tempio pausania (ot): a breve in libreria il romanzo “dietro il vento” di francesco cossu

Il poeta Francesco Cossu

Tempio Pausania 11 ottobre 2015. A breve andrà in stampa il primo romanzo del poeta Fracesco Cossu. In proposito gli abbiamo posto alcune domande.

Francesco, in molti conoscono la tua attività di poeta e di entusiasta quanto efficacie organizzatore di eventi culturali come “Risvegl Poetici”, ora dai alle stampe un romanzo “Dietro il vento”, quali differenze trovi tra scivere poesia e prosa?

 Scrivere poesia significa raccoglimento interiore per saper raschiare l’essere. Nello specifico, individuare tanti anelli, suggeriti da istanze intime, che uniti ad altri formano la collana. Le parole sono gli anelli e quando hai completato l’aggregazione, e vedi che dopo tanto travaglio il risultato finale è soddisfacente, avverti un piacere purificante. La prosa è una continua ricerca di stimoli esterni che devono combaciare con quelli del vissuto personale e di riflesso nella vita di tutti. Scrivere narrativa è divertente e rilassante. Un ottimo antidoto contro quello che devi subire nella realtà concreta, perché ti consente di creare una tua “realtà”.

Quali sono gi autori di opere di narrative che più trovi interessanti? Ti hanno inflenzato in qualche modo?

Concordo con l’amico e poeta Francesco Pasella, quando sostiene che gli uomini di versi devono essere onnivori. Pertanto, spazio su generi e autori davvero molto diversi tra loro. Riguardo ai classici, Proust, Dostevskij, Musil e Pirandello su tutti. Quanto allìepoca moderna sono un grande estimatore di Aldo Busi, di cui ho letto l’intera opera, di Houellebecq, ma anche di scrittori meno “impegnati” come il primo Culicchia o Morozzi. Per il giallo/noir ho una predilezione per Woolrich, Carlotto, Lucarelli, Malvaldi e alcune produzioni delle origini di Marcello Fois. Quanto all’avermi influenzato, ci possono essere vaghi accenni, ma ho sempre pensato che devo ispirarmi a quel che più sento urgente da sviscerare.

Quanto conta la tecnica e quanto l’ ispirazione nello scrivere un romanzo ?

La vera spinta per scrivere un testo di certe dimensioni te la offre solo la motivazione. Dietro ogni romanzo c’è una forza che stimola anche all’apprendimento della tecnica. L’ispirazione, poi, corrobora tutto.

 “Dietro il vento” si annuncia come un giallo noir, hai tratto ispirazione da fatti di cronaca?

 La struttura del romanzo si regge da sé, però vi ho innestato alcuni episodi che hanno riguardato le cronache cittadine o comunque del territorio.  Per esempio, il previsto impianto per le biomasse da realizzare nella zona industriale; oppure il sequestro dell’area destinata alle pale dell’energia eolica nel comune di Ploaghe.

A quando l’ uscita del libro?

Fine ottobre, al massimo i primi giorni di novembre.

NOTE BIOGRAFICHE

STUDI E PROFESSIONE

Francesco Cossuvè nato a Tempio Pausania, (prov. Olbia-Tempio) nel 1969 e, conseguita la laurea in Materie Letterarie presso la Facoltà di Magistero di Sassari nel 1996, ora svolge l’attività di insegnante di Letteratura italiana e Storia presso l’Istituto Tecnico Commerciale “Don Gavino Pes” a Tempio.

 COLLABORAZIONI GIORNALISTICHE

 Già direttore della rivista culturale Gemellae (2000-2006), in precedenza ha collaborato con alcune testate nazionali come “Il Corriere di Romagna”, “Il Messaggero, “Roma”, “Il Tirreno”, “La Nazione” in occasione di eventi calcistici. Sempre dal 1996 è uno dei   corrispondenti in zona del quotidiano “L’Unione Sarda”.

Nel 1997, sulla stazione radiofonica “Radio Hobby” ha condotto in studio un programma di approfondimento giornalistico.

Dal 2010 collabora come opinionista nella locale emittente televisiva “Radio Tele Gallura”

 

COLLABORAZIONI LETTERARIE e MUSICALI

 Prefazione al volume di poesia “Il sole del Baltico” di Francesco Pasella, CFR Edizioni, Collana Poiein, Milano novembre 2013.

Recensione per la presentazione alla stampa del Vol. II di Canzoni di Malavita, “Rinchiuso Innocente”, del cantante rock Joe Perrino.

 

PUBBLICAZIONI E ATTIVITÀ POETICA

 Dal 2002 ho tenuto diverse presentazioni di libri in Sardegna.

Dal 2006 è tra i curatori della rassegna di lettura multimediale di testi lirici “Risvegli Poetici”.

Al 2001 risale l’esordio poetico con il libro “Trasfigurazioni”, pubblicato per le edizioni Stampacolor (2001), e “Oroscurismi” per le edizioni TAS (2006), volume che ha ottenuto una segnalazione dalla critica al I° premio Mario Luzi a San Cipriano D’Aversa (CE).

Nel novembre del 2008 ha pubblicato il terzo volume di poesie “Intervalli” per le edizioni Edes, che insieme ai precedenti costituisce una trilogia sugli opposti.

Alcune poesie edite sono presenti in diverse antologie di poesia contemporanea.

 

NARRATIVA

Attualmente sono quattro i romanzi che ha scritto sc ancora inediti, in ordine cronologico: “Contatti di solitudine” (2010), “Io vivo altrove” (2013) e “Anime intossicate” (2014) che rappresenta l’ideale seguito di “Dietro il vento”, e “La propaganda sentimentale femminile” (2015)

A novembre avverrà l’esordio nella narrativa con la pubblicazione del romanzo giallo/noir “Dietro il vento” (2012) per la casa editrice “Amico libro”

 

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *