Olbia (OT): La bellissima nave Amerigo Vespucci approderà al molo Bonaria il primo giugno

Olbia (OT): La bellissima nave Amerigo Vespucci approderà al molo Bonaria il primo giugno

OLBIA. Desiderata come una diva. Così bella da far innamorare chiunque, per poi spezzargli il cuore quando molla gli ormeggi, saluta e va via. La Signora dei mari ritorna a Olbia dopo 14 anni. L’Amerigo Vespucci approderà al molo Bonaria il primo giugno e resterà in città per essere visitata anche il giorno successivo. L’orgoglio della Marina italiana arriva grazie al lavoro di squadra del Comune, della Lega navale e dell’Autorità Portuale. Una collaborazione che ha permesso di far inserire Olbia nell’itinerario della pre-campagna di addestramento, unica tappa in Sardegna.

Amerigo, come lo chiamano con tenera confidenza gli uomini dell’equipaggio, era stato in Sardegna l’ultima volta nel 2017. Un regalo all’isola della Maddalena che quell’anno festeggiava il 250esimo dalla fondazione. Un bagno di folla per il veliero progettato nel 1930 e varato nel 1931. Da allora è simbolo di eccellenza dell’Italia nel mondo oltre che scuola di mare e di vita per gli allievi dell’Accademia di Livorno che tra i suoi antichi legni imparano a diventare marinai. Una nave su cui battono anche tanti cuori sardi. Nella campagna di addestramento del 2018 tre su 124 gli allievi dell’isola e una ventina i componenti dell’equipaggio, braccia e cuore del Vespucci.

Olbia prepara una grandissima festa per l’arrivo della nave scuola. I dettagli saranno svelati nei prossimi giorni dal sindaco Settimo Nizzi, insieme al direttore marittimo Maurizo Trogu e il presidente della Lega navale Tonino Cassetta. Per ora la certezza è che saranno migliaia le persone che si riverseranno in città e si metteranno in fila per visitare la nave. Perché salire a bordo di Amerigo è una emozione unica, anche se i battiti del cuore cominciano ad accelerare nel momento in cui entra in porto.

Il sogno, riservato a pochi, è vederla con tutte le 24 vele spiegate. In quei 2635 metri quadrati di tela cuciti a mano c’è infatti un fascino antico e senza tempo. Ma anche quando il Vespucci scivola sulle onde a motore non perde la sua eleganza maestosa. La preparazione della nave prima dell’ingresso in ogni porto è un evento che richiede l’impegno di tutti. Viene curato ogni dettaglio, lucidato ogni ottone, ordinata ogni cima. Tutto deve brillare e raccontare senza sbavature la splendida storia d’amore dell’Italia e del mondo con il gioiello della Marina italiana.

VIA Facebook

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *