Olbia (OT): Concerto di NanniGroove Trio nell’ambito di Monumenti Aperti 2019

Olbia (OT):  Concerto di NanniGroove Trio nell’ambito di Monumenti Aperti 2019

All’interno della manifestazione Monumenti Aperti anche quest’anno, grazie all’invito dell’Assessorato alla cultura del comune di Olbia, l’Archivio Mario Cervo è presente sabato 11 maggio 2019 dalle ore 18:30 alle 20:00 presso l’ Isolato Punico Via Nanni Olbia con un concerto di un giovane talentuoso che si esibisce in in versione hammond trio insieme a Jim Solinas all’hammond, bass, piano e synth e Giuseppe Spanu alla chitarra. Giovanni Gaias, aka “nannigroove” classe 1996 originario di Berchidda, entra nel mondo della musica all’età di nove anni presso la Banda Bernardo Demuro con la tromba, successivamente dopo qualche anno di studi decide di cambiare strumento, la batteria. A quattordi anni forma la sua prima band , tre giovani ragazzi con tanta voglia di suonare e divertirsi.Entra a far parte della Funky Jazz Orchestra e partecipa a diversi festival tra cui il Time In Jazz, il Jazz Italiano per l’Aquila, composto un brano “FunkyTown” e suonato con artisti di livello internazionale quali Mauro Ottolini, Gianluca Petrella, Funk Off e ovviamente Paolo Fresu. Con gli “ Emplexis “ ; il genere cambia rotta passando per il funk, jazz, rock e anche con questo gruppo riesce ad avere delle belle soddisfazioni vincendo diversi contest, aprendo artisti del calibro di Giuliano Palma e partecipando per diversi anni al Sardinia Reggae Festival. In questo momento
del suo percorso incontra il noto bluesman, cantante e chitarrista Francesco Piu, con il quale intraprende un percorso assiduo di live, entrando a far parte del suo ensemble: un power duo con un feeling che non aveva mai provato prima. Dopo essersi diplomato alle scuole superiori, inizia il suo percorso fuori da casa presso l’accademia musicale di Firenze, la Lizard, dove si diploma con il massimo dei voti dopo due anni di attività e in contemporanea suona con Piu in quasi tutta Italia e qualche data all’estero tra locali e festival, alternando studio e lavoro. In questi due anni ha aperto diversi artisti del calibro di Doyle Bramhall II, Trombone Shorty, Matt Schofield, Lurrie Bell, Vintage Trouble, partecipato a festival come Pistoia Blues Festival, Blues Sur Seine,Narcao Blues Festival, La Nuit Blues de Marnaz, Bitonto Blues Festival, Madame Guitar, Pignola in Blues, Calabria Blues Passion, Montecchio Blues Festival, Italian Blues River, Corbetta Blues Festival e tanti altri. Nell’estate 2017 ha registrato in studio per il disco di Jim Solinas e delle sessioni live dell’ultimo album di Piu.
Tra Gennaio e Maggio 2018 Giovanni ha lavorato in maniera assidua al suo primo progetto discografico nel suo studio a Berchidda, mettendo in pratica anni di studio,viaggi e amore per la sua vita e la musica. Ha composto, arrangiato, mixato, cantato e suonato tutti gli strumenti da solo interfacciandosi solamente con il suo spirito, e successivamente ha invitato degli ospiti speciali per contornare il tutto. Il sound abbraccia diversi rami della black music, partendo dalla matrice funk che più lo rappresenta, passando poi per tutti i suoi derivati, abbracciando anche qualche sfumatura di pop. Il suo lavoro, “ Nannigroove Experience Vol. I “ è stato presentato alla trentunesima edizione dI “Time In Jazz 2018”, “Il Jazz Italiano per L’Aquila”,“Blue Sunset Festival” , “Moncalieri Jazz Festival’’ […] in versione hammond trio insieme a Jim Solinas all’hammond, bass, piano e synth e Giuseppe Spanu alla chitarra.

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *