Le rassicurazioni dell’ATS Sardegna – ASSL Olbia sulla disponibilità dei farmaci necessari per contrastare gli effetti del morso di un animale

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

(Comunicato ATS Sardegna – ASSL Olbia )

L’ATS Sardegna – ASSL Olbia rassicura gli utenti sulla disponibilità dei farmaci necessari per contrastare gli effetti del morso di un animale. Questi presidi sono distribuiti dalla farmacia aziendale nei pronto soccorso degli ospedali, negli ambulatori del dipartimento di prevenzione, nelle guardie mediche e nelle altre unità operative a seconda delle diverse specificità del servizio sanitario erogato e delle caratteristiche strutturali del presidio in cui si opera.

Fatta questa doverosa premessa e nel caso specifico del morso di un topo, la ATS Sardegna – ASSL Olbia ricorda che le modalità di intervento possono essere diverse a seconda della tipologia della ferita e della specie del roditore.

Nella maggior parte dei casi è possibile contrastare gli effetti del morso del topo comune trattando immediatamente la ferita non sporca e poco vascolarizzata con l’applicazione sulla cute di acqua ossigenata e disinfettante. In particolare l’acqua ossigenata ha la capacità di contrastare il batterio anaerobico che prolifica in assenza di ossigeno.

È inoltre possibile assumere le immunoglobuline, anticorpi che si somministrano quando il sistema immunitario di un soggetto entra in contatto con sostanze estranee (antigeni).

Il medico, ove lo ritenga necessario, può accompagnare questi trattamenti con una terapia antibiotica specifica e preventiva.

L’ATS Sardegna – ASSL Olbia ricorda che quando si viene morsi da un animale è importante contattare il proprio medico di base, la guardia medica, la guardia turistica e nei casi più critici il pronto soccorso. Sarà poi compito del professionista, sulla base delle condizioni di salute del paziente, individuare il percorso clinico più adeguato ed eventualmente valutare la possibilità di disporre ulteriori accertamenti presso altre unità operative ospedaliere.

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *