LA MADDALENA (OT): ABUSI EDILIZI ALLA MADDALENA RUSPE IN AZIONE A FANGOTTO

Secondo quanto riportato da Cronache Isolane :

LA MADDALENA. Dopo le ordinanze di sgombero a La Maddalena sono arrivate questa mattina le ruspe in località Fangotto. Alcuni operai hanno iniziato a smontare finestre e porte di alcune abitazioni dopo che la Procura di Tempio Pausania ha avviato le procedure per le attività di demolizione che andranno avanti anche nei prossimi giorni. La prima abitazione, 90 metri quadri, è caduta sotto i colpi di benna verso le 10. La seconda, ad Abbatoggia, è stata demolita nel pomeriggio. Adesso è in corso la demolizione di un altro edificio in zona Chiusedda. Le operazioni si svolgono con grandi momenti di tensione. Polizia e carabinieri sono presenti con una ventina di uomini. Gruppi di cittadini accompagnano con fischi e urla le operazioni di demolizione.
Il consiglio comunale, la cui riunione era prevista questa mattina, appresa la notizia ha deciso di interrompere i lavori.
Sono 35 gli edifici totalmente o parzialmente abusivi e costruiti in aree di particolare pregio ambientale che per la Procura dovranno esser demoliti, una decina di case sono abitate.
La magistratura inquirente di Tempio, guidata dal procuratore Domenico Fiordalisi, in altri vari centri costieri, da Olbia ad Arzachena, avrebbe già individuato un centinaio di immobili da abbattere ritenuti abusivi e per i quali sono intervenute anche sentenze definitive.
A fine febbraio si era tenuto un vertice nella Procura di Tempio per fare il punto sulla situazione delle costruzioni a La Maddalena che devono esser demolite perché edificate in un’area sottoposta a tutela integrale. All’incontro aveva preso parte, oltre al procuratore Fiordalisi anche il sindaco Angelo Comiti, che aveva presentato la drammatica situazione in cui si trovano varie famiglie che occupano le case. Si tratta di abusivi che per anni hanno vissuto negli immobili realizzati senza concessione edilizia in quella che prima era una zona a destinazione turistica poi modificata in zona H, quindi a tutela integrale.

Fonte ANSA.

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *