La competenza femminile al Parco dell’Asinara. Gabriela Scanu nuova Commissaria

La competenza femminile al Parco dell’Asinara. Gabriela Scanu nuova Commissaria

Perché non puntiamo alla competenza e lunga esperienza femminile per rianimare i Parchi e le aree protette dall’agonia in cui la mala gestione politica li ha avvitati? Un buon segnale arriva dal Parco Nazionale dell’Asinara, dove una felice intuizione del Ministro Costa ha individuato nella figura di una donna competente ed esperta di lungo corso sulle questioni ambientali, Gabriela Scanu, il commissario per un Parco ricco di biodiversità, in cui natura e cultura interagiscono in un perfetto equilibrio, ma anche meta turistica di elezione per i viaggiatori di tutto il mondo. L’aver promosso una professionalità e competenza femminile, da parte del ministro dell’Ambiente, per “mettere a posto” un Ente che si era avvitato, non diversamente dagli altri, in diatribe della politica locale e regionale, sta a significare che, dalle parti del ministero dell’Ambiente,  ci si vuole allontanare dalla vecchia, stantia e dannosa, modalità di soddisfare la spartizione partitica e politica di tutti gli spazi pubblici anche senza averne le competenze necessarie. La spartizione tra destra, sinistra e centro, che ha affossato la maggior parte delle aree protette del Paese. Per questo oggi sono molto contenta di fare gli auguri di buon lavoro a Gabriela Scanu, conoscendola e sapendola esperta motivata e capace di missioni impossibili. Buon lavoro!

Enza Plotino - giornalista ambientale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *