giovanni maria pasella : una vita per la musica

Abbiamo incontrato il Maestro Giovanni Maria Pasella, conosciutisimo ben oltre i confini della Gallura ed apprezzatissimo per le sue doti umane oltre che musicali. Ecco il resoconto di questo colloquio

Dove è nata la tua passione per la musica ?

La passione per la musica, mi è stato sempre ricordato in famiglia, mi è nata quando nel 1962 mia zia Mariuccia mi regalò un pianino a 9 tasti. Mi raccontano che mi chiusi in una stanza e dopo alcune ore uscii suonando una melodia Natalizia senza punti di riferimento. A soli sei anni debuttai con brani natalizi alla Casa del fanciullo in un recital in onore di Mons. Melis. Babbo chiamò il nostro complessino (io e mio fratello Gastone) i Minifiser che partecipò ad alcune edizioni dell’Usignolo d’oro a Tempio e della Maschera d’oro a Palau. Nel 1965 mi esibii a Palau nel bar Trieste, dove un regista tedesco aveva allestito il set per un film in lavorazione con l’esibizione delle fisarmoniche. Il 15 luglio 1970 ricordo che l’allenatore Scopigno del Cagliari volle festeggiare lo scudetto, con noi, nella sua villa di Baia Sardinia, con tutta la squadra del Cagliari campione d’Italia.  Mio padre lavorava in via Angioi nel settore del sughero artistico e quando si giravano in Gallura le scene del film «Questione d’onore» vennero a casa nostra Ugo Tognazzi e Silvia Koscina. Ricordo ancora tanta gente che seguiva gli attori in via Angioy a far da codazzo agli artisti…e noi ragazzi ci esibimmo. Erano tempi in cui mi esercitavo anche in pittura e aiutavo mio padre nei lavori artistici nel fare bozzetti, disegni.

Quali sono stati i tuoi maestri?

Iniziai a studiare a sei anni con mio fratello la fisarmonica e la teoria musicale sotto la guida del prof. Giovanni Savigni, poi ci seguì il fratello Antonino Savigni.

Nel 1971 al Conservatorio di Sassari, spinto dal direttore Piero Guarino, studiai violino per 4 anni con il M° Mario Buffa (attualmente docente al Conservatorio Cecilia di Roma), e frequentai il corso di composizione, direzione d’orchestra grazie all’insegnante Elena Episcopo, che mi volle fra i suoi allievi. Dal 1975 iniziai gli studi di composizione con il M°. Luciano Pelosi dell’Aquila, poi con la prof.ssa Antonietta Chironi (Teoria e solfeggio), M.Grazia Passino (letteratura poetico-drammatica). Gli insegnanti di pianoforte e lettura della partitura  sono stati Gianna Manchia, Flora Gagliardi e con il M°. Claudio Proietti. Nell’84 al Conservatorio di Bologna un’altra scelta pazza affrontare il compimento superiore, mettersi davanti agli insegnanti più temuti, sui cui testi tutt’Italia sudava: i prof. Adone Zecchi e Tito Gotti, due luminari della polifonia e della tecnica direttoriale. Arrivò il diploma in musica Corale e Direzione. Ho diretto con successo al comunale di Bologna; diverse prove d’esame di 10-12 ore ciascuno. Successivamente ho approfondito la tecnica direttoriale e chironomia con il M° Bruno Pinna, e ho frequentato corsi intensivi di direzione d’orchestra (con i Maestri  P.Sequeri, Hardi Mertens e Louis Martinus), corsi di Musica Sacra (con i proff.  F.Rainoldi, A.Parisi e M. Frisina, e un  corso di regia teatrale e cinematografica con Vito Oliva e Alessandro Cecchi Paone. Più tardi, ha avuto grandissimo rilievo la ventennale collaborazione con il M° Enrico Riccardi (autore di successi internazionali come Zingara”, “ Io mi fermo qui” e tanti altri), con il quale ho approfondito l’arrangiamento, la tecnica compositiva della canzone, ed aspetti legati alla discografia.

Chi è il miglior musicista mai esistito e quale il miglior musicista contemporaneo?

I miei ascendenti musicali che anche ad oggi controllano chimicamente il mio DNA artistico, sono rappresentati da J.S.Bach e da Mozart (per la musica colta), da i Jethro Tull e dai Pooh per la musica Rock e leggera, e da Ennio Morricone per la musica da films.

 

Progetti per il futuro?

Porto avanti intensamente diversi progetti che si concretizzeranno in tempi abbastanza prossimi: L’Accademia Filarmonica Gallurese da me fondata, movimentata dall’abilissimo coordinatore Diego Ponti sta crescendo a vista d’occhio, ed è destinata a divenire il fulcro di numerose iniziative che vanno dalla strutturazione del Cantagiro in Sardegna (ricopro per il 3°anno l’incarico di Agente Generale), all’attività di una Orchestra sinfonico corale destinata a divenire stabile, a corsi, seminari e Master in tutto il territorio nazionale, messa a punto di un Opera completa, e diverse pubblicazioni si letterarie e didattiche che musicali. Mi auguro di godere del sostegno dei miei figli Emanuele (che studia all’Accademia di Brera a Milano Arti televisive e fotografiche), e Gian Marco, abile arrangiatore e tecnico del suono titolare della Pasproduction recording (Sala si Registrazioni e produzione con sede a Tempio, mèta di artisti isolani e nazionali). Poi c’è mia figlia Elisabetta che legge la musica dall’età di 6 anni, suona diversi strumenti, ed è una valida informatica musicale

Breve Curriculum

 

Giovanni Maria Pasella

Dirige il Coro Città di Tempio dal 1991, ed è Maestro di Cappella nella Cattedrale S.Pietro Apostolo.  Diplomato in Musica Corale e Direzione presso il Conservatorio di Bologna, svolge attività di docente, compositore e pianista, tenendo seminari e corsi di pedagogia musicale, estetica ed etnomusicologia (pubblicando diverse recensioni e ricerche).

Ha partecipato a diversi corsi di musica sacra, istruzione scenica, regia, e direzione d’orchestra con Maestri di fama internazionale.  Oltre a centinaia di esibizioni in Sardegna sono da ricordare i concerti tenuti in Vaticano, Lazio, Liguria, Veneto, Lombardia, Umbria, Toscana, Svizzera, Francia, Germania, Repubblica Ceca, Austria., Corsica, Spagna. Vanno citati la S.Messa in diretta su RAI 1 nel 1997, la S.Messa in Vaticano per il Papa G. Paolo II nel 2000, e l‘International Music Festival” città di Genova ne 2002.

Ha fondato e diretto a Tempio il “Centro Studi ed attività Musicali”, e il gruppo vocale-strumentale “Omnia.  E’ stato direttore della Banda musicale di Calangianus., e dal 1986 fa parte della giuria stabile del “Premio Biennale Città di Ozieri (concorso per cori tradizionali).   E’ stato Maestro dell’orchestra “Gallura”, direttore artistico del Concorso per voci liriche “B.De Muro, e direttore artistico di diverse manifestazioni isolane.

In Maggio 2009 ha presentato ed eseguito al pianoforte una ricerca etnico-classica presso il Conservatorio di Parigi.  Negli ultimi tempi è impegnato come compositore e direttore con l’Orchestra Filarmonica della Sardegna e con l’Orchestra dell’Accademia Filarmonica Gallurese. E’ delegato dalle Mondecarlo Produzioni per le selezioni regionali della storica manifestazione del CANTAGIRO nazionale.

 

 

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *