Aggius (OT): ‘Speradifòli’ – spettacolo di fiabe sonore di e con Sandro Fresi, Alessandro Deiana, Mauro Fresi, il contastorie Gianluca Fois e le tavole dipinte di Simone Sanna.

Aggius (OT):  ‘Speradifòli’ – spettacolo di fiabe sonore di e con Sandro Fresi, Alessandro Deiana, Mauro Fresi, il contastorie Gianluca Fois e le tavole dipinte  di Simone Sanna.

Oggi 13 ottobre 2019 alle ore 17,presso la sala consiliare del Comune di Aggius, si terrà,a cura dell’associazione culturale Iskeliu, lo spettacolo di fiabe sonore di e con Sandro Fresi, Alessandro Deiana,Mauro Fresi e il contastorie Gianluca Fois. Le tavole dipinte sono di Simone Sanna.
Il progetto è finanziato dal PLUS,Ufficio di Piano del Distretto Socio-Sanitario di Tempio Pausania e si scolge nell’abito della manifestazione “Ripuliamo il borgo

SPERADIFòLI

fiabe nei suoni di un raggio di luce

di e con Sandro Fresi et Iskeliu

Dall’album ‘Speradifòli’ di Sandro Fresi sono state scelto tre fiabe appartenenti all’immaginario magico gallurese che avessero richiami e affinità col racconto di tradizione orale del Mediterraneo occidentale. Le abbiamo tradotte in un italiano regionale salvando volutamente fonemi e locuzioni altrimenti intraducibili che danno intensità all’ affabulazione, affidata al talento del contastorie Gianluca Fois.

La quarta fiaba è la storia immaginifica di una cantante di nome Maria (Maria Carta).

Ogni racconto è implementato da una serie di grandi tavole dipinte da Simone Sanna che vengono sfogliate dall’attore come in un libro di immagini che commentano, anticipano o svelano i contenuti della fiaba, alla maniera dei cantastorie itineranti.

Ogni passaggio è scandito dal suono di antichi strumenti popolari come la carramusa (cornamusa), il flauto di corno di capra dei pastori còrsi o la ghironda dei trovatori occitani

Le fiabe:

Il cestino di fichi (la culbulitta di li fichi)

la fiaba della piccola merla (la fòla di merruleddha)

la fiaba della mamma del sole (la fòla di la mamma di lu soli)

la fiaba di Maria Carta

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *