Tempio Pausania (OT): Ripristino del muro di Pastini, il Sindaco e la giunta si accollano i costi

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

(Comunicato del comune di Tempio Pausania)

Il Sindaco Andrea Biancareddu e la giunta comunale si assumono la responsabilità della scelta sbagliata e inopportuna che ha portato all’individuazione dello storico Muro di Pastini come uno dei siti di affissione dei manifesti elettorali delle prossime elezioni politiche.

“E’ stato un errore fatto in buona fede del quale la giunta si assume, senza scusa alcuna, la responsabilità. Abbiamo dato per scontato, sbagliando, che ci fossero dei pannelli a proteggere il muro e quando ci siamo resi conto che cosi non era abbiamo provveduto a rimediare subito modificando la delibera e inviando sul posto una squadra di operai specializzati per cancellare i segni degli spazi elettorali sul muro. Vogliamo anche rassicurare la città. I costi non saranno a carico del Comune ma pagati personalmente dai componenti della giunta”. Sono queste le parole con cui il Sindaco, dispiaciuto, fornisce chiarimenti ai cittadini.

Quindi nessun costo aggiuntivo per la città. Le spese dei lavori di ripristino per la ricostituzione originale dell’antico muro le pagheranno direttamente gli amministratori. “E’ facile che chi fa tante cose possa anche sbagliare. Credo sia fondamentale assumersi la responsabilità anche economica dell’errore, fatto in assoluta buona fede. La giunta è molto dispiaciuta soprattutto perché il lavoro che si sta portando avanti in relazione al miglioramento del decoro cittadino va esattamente nella direzione opposta. Infatti sono già stati spesi oltre 20.000 euro per l’acquisto di pannelli pubblicitari che a breve saranno posizionati presso gli ingressi cittadini e consentiranno di liberare completamente e restituire alla sua originaria bellezza l’imponente muro in granito fronte Gauss. Questo sta a significare come quella soluzione che ha generato le legittime proteste dei cittadini sia lontana dalla sensibilità dell’amministrazione ed il frutto di un mero errore che, con senso di responsabilità, la giunta ha deciso di pagare direttamente.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar