Tempio Pausania (OT): Ottimismo da parte dell’amministrazione comunale riguardo alla possibilità che nella Riforma Sanitaria vengano accolte le istanze del territorio per la salvaguardia dell’ospedale “Paolo Dettori”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Alcuni sindaci galluresi che hanno partecipato ad una recente manifestazione in difesa dell’ospedale civile “Paolo Dettori”

Nel sito ufficiale del comune di Tempio Pausania (OT) si legge quanto segue:

Nei giorni scorsi l’Assessore regionale della Sanità Luigi Arru, affiancato dal Presidente dell’Anci Emiliano Deiana, ha incontrato ad Oristano il Sindaco di Tempio Andrea Biancareddu per discutere sulla riforma della rete ospedaliera e sentire le richieste del territorio.

Un incontro che il primo cittadino Andrea Biancareddu ha affrontato, accompagnato dal Presidente dell’Unione dei Comuni Alta Gallura Agostino Piredda e dall’Assessore della sua giunta Francesco Quargnenti e forte del sostegno dei 26 Sindaci della ex provincia Olbia Tempio e della popolazione gallurese che, nella recente manifestazione tenuta il 18 luglio contro la riforma sanitaria, ha espresso in maniera partecipata, forte e chiara il proprio dissenso.

Il Sindaco di Tempio ha chiesto il riconoscimento come DEA di 1 livello, che si colloca ad un gradino più alto rispetto all’ospedale di base, e ha ribadito di voler mantenere tutte le specialità presenti. Richieste quelle avanzate nel corso dell’incontro, approvate all’unanimità da tutti i sindaci della Gallura che fanno anche parte della conferenza territoriale socio sanitaria.

L’assessore Luigi Arru si è mostrato aperto al dialogo e ha preso l’impegno di portare la richiesta del territorio in Commissione Sanità del Consiglio Regionale. Durante l’incontro, si è approfondito anche il tema di come mantenere determinati servizi rispettando gli standard di sicurezza. Sul punto nascite, per il quale è necessario raggiungere i 1000 parti all’anno, la soluzione potrebbe essere quella di sommare i parti dell’Ospedale di Tempio con quelli dell’Ospedale di Olbia attraverso la creazione di equipe mediche itineranti. Per il mantenimento dei reparti attualmente in essere all’Ospedale Paolo Dettori si renderà necessario istituire 2 posti di terapia intensiva post-operatoria, cardiologia H12+12, un pronto soccorso multidisciplinare con 4 posti di osservazione breve e intensiva e una sezione dedicata ai malati di Alzheimer.

“È stato un incontro positivo, un momento di confronto importante che prendo con le dovute riserve senza abbassare la guardia fino a quando non vedrò scritto sulla legge quello che stiamo ribadendo da anni e che è stato approvato dai 26 sindaci della Gallura” sottolinea il Sindaco Andrea Biancareddu, comunque soddisfatto “ Se le nostre richieste saranno accolte non perderemo nessun servizio e otterremo la classificazione di DEA di 1 livello”.

Sensazione positiva che è stata confermata questa mattina nel corso di un incontro che si è tenuto a Cagliari tra il Sindaco Andrea Biancareddu, il Presidente della Commissione sanità Raimondo Perra, l’Assessore Regionale alla Sanità Luigi Arru e il commissario Giorgio Oppi. Nella bozza della commissione consiliare sono state infatti recepite tutte le richieste avanzate dal Sindaco e dal territorio gallurese.

Il testo ritoccato dalla commissione sanità dovrà poi passare al vaglio del Consiglio delle autonomie (Cal) che entro quindici giorni dovrà esprimersi e approderà infine, in caso di parere positivo, in consiglio regionale per l’approvazione definitiva. Solo a questo punto, con l’approvazione definitiva della legge e l’accoglimento delle richieste della Gallura, sarà possibile sciogliere ogni riserva. “Significherebbe aver raggiunto insieme, lavorando in sinergia, un risultato eccellente. Forza Paris” conclude il Sindaco Andrea Biancareddu.

Ma, speriamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *