Palau (OT): Cedac Sardegna, al via l’Operazione Gallura: un progetto per formare il pubblico e specializzare i mediatori culturali. A Palazzo Fresi la prima tappa con il seminario “Portare a teatro, perché come…”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire
Senza un pubblico appassionato, il teatro vivacchia in modo artificiale. Le risorse che si dedicano alla sequenza “creazione-produzione-distribuzione”, sono minori di quelle che si dedicano a far sì che il pubblico arrivi allo spettacolo da interlocutore vitale, più che da consumatore di un prodotto.
Da questa consapevolezza il CeDAC Sardegna intende sviluppare un progetto-pilota di formazione del pubblico.
Prima tappa è l’organizzazione (Palazzo Fresi, 31 gennaio, 1 e 2 febbraio 2018) del seminario gratuito PORTARE A TEATRO, PERCHÉ COME…
Il seminario, condotto da Giorgio Testa:
– è rivolto a chi svolge o desidera farlo, attività di mediazione tra pubblico e spettacolo, assumendosi la responsabilità di “portare” a teatro. In modo diretto, come gli insegnanti o indiretto, come gli operatori impegnati nella comunicazione e promozione dell’offerta culturale;
– ha come obiettivo la costituzione di un gruppo di lavoro e di ricerca intorno ai temi della formazione del pubblico e dell’educazione dello spettatore che possa operare in Gallura;
– si articola in un primo tempo di messa a punto teorica e un secondo di esemplificazione pratica di un modo di preparazione alla visione che avrà per oggetto, il 1 febbraio, lo spettacolo L’Avaro.

CALENDARIO E ORARI
Palazzo Fresi:
– 31 gennaio 2018: ore 15-30-19, 30
(perché portare a teatro: per quali motivo e a quale fine occuparsi del pubblico)

– 1 febbraio: ore 15-30 – 19-30 e spettacolo serale
(su un come, non discusso, ma provato. Esperimento di essere portarti a teatro da Giorgio Testa a vedere l’Avaro)

– 2 febbraio: ore 15-30 -19, 30
(bilancio del seminario nelle sue due parti. Prospettive)
Via Palau.it

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar