Olbia (OT): “Visioni Sarde” – i migliori corti in giro per l’Italia

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Ritorna Visioni Sarde, all’aperto, nel centro storico di Olbia, nella parte chiusa di Via Romana,al numero 50, vicino al Politecnico Argonauti!
Programma:

DEU TI AMU!
(Italia/2016)
di Jacopo Cullin

Scen., M.: Jacopo Cullin. F.: Damiano Picciau. Mus.: Emanuele Contis. Int.: Alessandro Cabboi, Arianna Mancos, Nicolò Congiu, Giulia Giordano, Monica Usai, Lorenzo Lilliu, Tziu Giuliu, Severino Pitzalis. Prod., Distr.: Medinart (jacopocullin@gmail.com). HD. D.: 4’

Colori, sapori, odori e suoni d’antan fanno da cornice a un corteggiamento senza tempo e senza fine.

Jacopo Cullin (Cagliari, 1982)
Si forma come attore tra la Sardegna e Roma interpretando numerosi ruoli per la televisione e il cinema (fra gli altri, L’arbitro di Paolo Zucca e La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu). Nel 2009 dirige il suo primo corto, Goodfriends. Seguono Buio (2012), selezionato da Visioni Italiane, e Grazie a te! (2014).

DISCO VOLANTE
(Italia/2016)
di Matteo Incollu

Scen.: Matteo Incollu. F.: Corrado Serri. M.: Nicola Contini, Federica Ortu. Int.: Giuseppe Boy, Simonetta Columbu, Tiziana Troja, Carlo Porru, Ado Sanna, Andreas Mathias Reiter, Maria Rabel Martinez, Dante Podda, Marinella Giorgino, Riccardo Cau. Prod., Distr.: Mommotty Srl (info@mommotty.it). HD. D.: 25’

Cagliari. Un furgone di panini disperso in mezzo al nulla, un uomo stanco, una ragazza risoluta, otto sconosciuti e una friggitrice moribonda. Panini leggendari e alieni sconosciuti. E la magia improvvisa. Tutto in una notte.

Matteo Incollu (Baunei, 1981)
È stato assistente alla regia di Salvatore Mereu sui set di Sonetàula (2007) e Bellas mariposas (2012) e di Piero Parolin in Leoni (2013). Disco volante è la sua opera prima.

ENGINE OF TIME
(Italia/2017)
di Ilenia Locci, Fabio Loi

Scen., F.: Ilenia Locci. M.: Ilenia Locci, Fabio Loi. Mus.: Sergio Bertani. Int.: Riccardo Peroni (narratore). Prod., Distr.: Ilenia Locci, Fabio Loi (engine.of.time@gmail.com). HD. D.: 15’

Nelle S. Factory, due fabbriche gemelle del Pianeta Terra, convivono umani e robot che operano con impegno, sincronismo e armonia per un traguardo comune. Ogni giorno i singolari ingredienti di una ricetta millenaria vengono lavorati per illuminare il tempo.

Ilenia Locci (Muravera, 1992)
Fabio Loi (Muravera, 1992)
Ilenia si è laureata all’Accademia delle Belle Arti di Torino realizzando il corto in stop motion The Spectrum of Mind (2015). Da sempre interessato alla modellazione 3D e all’animazione, Fabio ha studiato cinema all’Università di Bologna e lavora come filmmaker freelance.

FUTURO PROSSIMO
(Italia/2017)
di Salvatore Mereu

Scen.: Rossana Patricelli, Salvatore Mereu. F.: Sandro Chessa. M.: Davide Dal Padullo. Int.: Rachel Akinbi, Mojo Kuti, Francesco Vesta, Susanna Mantega, Roberto Pilato. Prod., Distr.: CELCAM – Università di Cagliari, Viacolvento (antioco.floris@unica.it). DCP. D.: 17’

Di giorno Rachel e Mojo vagano per la città alla ricerca di un lavoro. Di notte trovano riparo in un casotto di uno stabilimento balneare. Una mattina, Basilio, che ne è il custode, scopre che qualcuno ha passato la notte in una delle cabine.

Salvatore Mereu (Dorgali, 1965)
Con il suo lungometraggio d’esordio Ballo a tre passi (2003), in concorso a Visioni Italiane, ha vinto il premio per miglior film alla Settimana Internazionale della Critica e il David di Donatello come miglior esordiente. Sono seguiti Sonetàula (2008), Tajabone (2010) e Bellas mariposas (2012). Nel 2006 ha fondato la casa di produzione Viacolvento.

ISOLE
(Italia/2017)
di Paolo Zucca

F.: Francesco Piras. M.: Paola Mereu. Int.: Matar Mboup, Baymbaye Mboup. Prod., Distr.: Consulta Giovanile di Busachi, A.C. Su Disterru Onlus (paolozuc@gmail.com). HD. D.: 3’

Padre e figlio, immigrati, si confrontano durante la colazione sui problemi della vita quotidiana. Isole è il risultato di un laboratorio cinematografico sul tema ‘le migrazioni e il territorio’.

Paolo Zucca (Cagliari, 1972)
Ha frequentato la scuola Rai per sceneggiatori e si è diplomato in regia alla NUCT di Cinecittà. Ha scritto e diretto corti, documentari e spot pubblicitari. Nel 2013 ha esordito nel lungometraggio con L’arbitro, tratto dall’omonimo corto del 2008, in concorso a Visioni Italiane. Al nostro festival ha portato anche i successivi Bella di notte (2013), Centenari (2014) e Border (2016).

JE NE VEUX PAS MOURIR
(Italia/2017)
di Gianluca Mangiasciutti, Massimo Loi

Scen.: Massimo Loi. F.: Francesco Di Pierro. M.: Francesco De Matteis. Mus.: Matteo Savastano. Int.: Virginia Gherardini, Jennifer Distaso, Amira El Feshawy, Kevin Lettieri, Aziz Abdou Gueye. Prod.: Teoris Solutions, Skydancers Productions. Distr.: Zen Movie (distribuzione.zenmovie@gmail.com). DCP. D.: 7’

La tragedia dei nostri tempi vista da chi dovrà imparare a vivere il domani.

Massimo Loi (Cuggiono, 1979), Gianluca Mangiasciutti (Roma, 1977)
Hanno lavorato come assistenti alla regia per il cinema, serie tv, spot e videoclip musicali. Insieme hanno realizzato i corti SENZaria (2013), Dove l’acqua con altra acqua si confonde (2015, candidato al David di Donatello) e A Girl Like You (2016), tutti presentati a Visioni Italiane.

TU RIDI
(Italia-Spagna/2016)
di Chiara Sulis

Scen.: Chiara Sulis. F.: Enrico Passaro. Mus.: Eduardo Martínez. M.: Gemma Cabello. Int.: Veronica Sanna, Elio Turno Arthemalle, Annunziata Ugas, Francesca Falchi, Nunzio Caponio. Prod.: Chiara Sulis in collaborazione con Celcam. Distr.: Chiara Sulis (chiara.sulis@gmail.com). HD. D.: 15’

Veronica vive a Cagliari, dove si sta per laureare. Cerca un lavoro per potersi mantenere, ma il suo sogno è fare la guida museale. La realtà è assai più dura e la protagonista si imbatterà in una serie di situazioni paradossali.

Chiara Sulis (Cagliari, 1978)
Studia cinema all’Università di Cagliari, alla Fondazione Rossellini di Roma e alla scuola Bande à part di Barcellona. Nella città catalana collabora con la casa di produzione El dedo en el ojo SL lavorando con diversi ruoli a oltre venti cortometraggi. Nel 2010 gira il suo primo corto, Primera comunión.

Via Facebook

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar