Olbia (OT): Per “Incontri con l’autore” Alessandro D’avenia, L’arte di essere fragili

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Alessandro D’Avenia nasce il 2 maggio 1977 da Rita e Giuseppe, terzo di sei figli.[1] Dal 1990 frequenta il liceo classico Vittorio Emanuele II di Palermo, dove incontra padre Pino Puglisi,[2] che insegnava religione nello stesso istituto, dalla cui figura viene fortemente influenzato[3] così come da quella dell’insegnante di lettere. Nel 2000 si laurea in lettere classiche alla Sapienza di Roma; vince poi il dottorato di ricerca a Siena, che completerà nel 2004 con una tesi sulle “sirene” in Omero e il loro rapporto con le Muse nel mondo antico.[4] Mentre è impegnato col dottorato, insegna per tre anni nelle scuole medie.[1] Frequenterà poi la scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario; attualmente è professore di lettere in un liceo classico.[5] Fonda una compagnia teatrale dilettante e gira un cortometraggio.[1] Nel 2006 frequenta a Milano un master in produzione cinematografica all’Università Cattolica del Sacro Cuore.[6]

La sua attività di scrittore inizia contemporaneamente a quella di insegnante. Il romanzo d’esordio Bianca come il latte, rossa come il sangue esce nel 2010 e diventa rapidamente un successo internazionale, raggiungendo il milione di copie e ventidue traduzioni nel 2017.[7][8] Il secondo titolo di D’Avenia è Cose che nessuno sa, pubblicato nel novembre 2011 e tradotto in dieci lingue.[9][10] Collabora come pubblicista con alcuni quotidiani italiani (Avvenire, La Stampa) .

Come sceneggiatore, nel 2008 ha firmato alcuni episodi della terza serie di Life Bites – Pillole di vita presso Disney Italia.[11] Nel 20112012 lavora alla sceneggiatura del film tratto da Bianca come il latte, rossa come il sangue, prodotto da Rai Cinema,[12] che esce nelle sale cinematografiche nel mese di aprile del 2013. A ottobre del 2014 esce il suo terzo romanzo, Ciò che inferno non è tradotto in tre lingue nel 2017[13]. I suoi primi tre libri risultano essere (secondo il sito del MIUR[14]) tra i dieci libri più amati dai giovani italiani. Il 31 ottobre 2016 è uscito il suo quarto romanzo, L’arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita diventato anche un’opera teatrale.

Fonte:Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *