Olbia (OT): Gli antichi nomi della costa Olbiese

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Simplicio Usai ci parlerà dei toponimi come testimonianza di un passato dove l’ambiente, la natura, gli antichi mestieri facevano parte della vita quotidiana di chi abitava queste terre; nomi che raccontano di popoli e minacce provenienti dal mare, di eroi e di personaggi leggendari di un’epoca ormai lontana.



I migliori conoscitori dei toponimi marini e costieri di Olbia sono da sempre i pescatori che per effettuare le tradizionali battute di pesca davano un nome ad un posto persino in base agli strumenti che usavano in particolari condizioni, come il caso di Sos Bullos, se pescavano con le reti a circuizione, o a Fogu, se pescavano con la lampara. Le attività si svolgevano prevalentemente nel golfo interno di Olbia, da sempre considerato una peschiera naturale, ma con la stagione ed il tempo favorevoli riuscivano a navigare con i loro tradizionali Ciattinos fino alle coste di Santa Teresa, a nord, e al golfo diOrosei, a sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *