Olbia, 5-6 maggio 2018: uniche date in Gallura della XII edizione di MonumentiAperti

Il 5 e 6 Maggio a Olbia, si svolgerà una delle tappe della XII edizione di Monumenti aperti, una delle più importanti feste per la promozione e valorizzazione dei beni culturali.

L’evento, nato a Cagliari nel 1997 e organizzato dalla Onlus Imago Mundi, quest’anno coinvolgerà 59 comuni in tutta la Sardegna, con 7 nuove amministrazioni che parteciperanno per la prima volta.

Come riportato dalla sito ufficiale di Monumenti aperti,

la manifestazione comprenderà, oltre alle consuete visite guidate, tutte rigorosamente gratuite, appositi percorsi sono progettati per il mondo della disabilità, in accordo con le associazioni di categoria, così come sono realizzate visite guidate pensate appositamente per i bambini. Un ricco programma di eventi collaterali, di animazioni musicali, di installazioni sonore ed esibizioni teatrali nei monumenti e nelle piazze contribuisce a rendere la manifestazione ancora più coinvolgente e stimolante.

Proprio la città di Olbia rappresenta una delle tappe più interessanti dell’evento per la sua storia in continua evoluzione ed espansione. Come sottolineato dalla coordinatrice e referente scientifica dell’evento, l’archeologa Letizia Fraschini, 

 incorniciata da un paesaggio di grande suggestione disegnato dai litorali di Capo Ceraso e Golfo Aranci e dall’antistante isola di Tavolara, rappresenta oggi, come nel passato, una porta di accesso fondamentale per tutta la Sardegna. L’antica Olbìa ha visto l’avvicendarsi sul territorio di popoli e culture diverse con una frequentazione intensa e continua dal Neolitico all’età moderna. La sua è una storia antica, di apertura e contatti, di incontro e scambio. A partire dagli anni Sessanta la città ha conosciuto una fase di espansione economica, urbana e demografica. L’economia è in continua espansione grazie allo sviluppo di attività legate al turismo balneare, culturale e naturalistico, ai traffici portuali e aeroportuali in costante aumento, al commercio e ai servizi. Il porto di Olbia è oggi inserito nei principali circuiti croceristici internazionali e l’aeroporto Costa Smeralda è collegato con le principali città italiane ed estere. Nel 2000 è stato attivato il corso di laurea in “Economia e imprese del turismo” con lo scopo di sviluppare ambizioni e competenze imprenditoriali in grado di cogliere le occasioni offerte dal territorio.

Vi è da considerare che, Olbia è stata l’unica città gallurese ad aderire a tale manifestazione, e tale questione suscita non poche perplessità, vista la profusione e il numero ingente di beni di interesse culturale e archeologico che interessa il territorio gallurese. Ci si interroga infatti, sull’assenza degli altri paesi a tale lodevole iniziativa culturale, la quale poteva essere un’ottima occasione per la valorizzazione e lo sviluppo del territorio in ottica turistica.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
AdBlocker rilevato!

Abbiamo rilevato ADBlock  nel vostro browser. Affinché possiamo continuare a offrirvi il nostro servizio nel miglior modo possibile dovreste disattivarlo oppure inserire www.piazzagallura.org nella vostra withelist. Nel nostro sito non appariranno mai video pop-up fastidiosi che rendono impossibile la lettura delle notizie. Grazie per la vostra cortese collaborazione PIAZZAgallura.org

Close