La Maddalena (OT). Sui resti di posidonia spiaggiata, persa un’occasione. Non oggi, ma un anno fa!

Non per rispolverare vecchi livori ma solo per ricordare che qui a La Maddalena, nelle intenzioni saremmo giusti “sia nei modi che nei tempi” (citando un articolo di oggi del Sole 24 Ore, scritto da un caro e bravo collega). Infatti il ritorno nell’agenda delle priorità, come ogni primavera, del problema dei resti di posidonia spiaggiata ci rimanda al convegno che, lo scorso anno, siamo stati costretti a cancellare per volontà avverse dei vertici del Parco dell’Arcipelago e di chi si muoveva di conseguenza, e che stavamo organizzando per il 21 maggio a La Maddalena. Piccolo particolare: molti degli esperti venivano a loro spese proprio a dimostrazione della funzione di ricerca e di conoscenza espressa dal convegno stesso. Brucia moltissimo aver dovuto interrompere la realizzazione di un convegno che avrebbe potuto portare alla cittadinanza nuove e innovative visioni sulle problematiche ambientali più vive nei territori marini ed avrebbe potuto iniziare un ciclo virtuoso di proposte culturali e ambientali per risollevare la situazione di povertà di iniziative sull’argomento promosse fino ad oggi dagli enti istituzionali locali. Ed è per questo che voglio riproporre il progetto di quel convegno a futura memoria di tutti e a testimonianza di ciò che avremmo potuto dire e fare e non abbiamo né detto né fatto. La cancellazione del convegno, proprio nell’ultimo miglio, ha avuto non poche conseguenze: tra le più importanti il persistente silenzio colpevole dei vertici del Parco sull’argomento e la gestione individuale e senza regole certe e comuni della posidonia spiaggiata, tra le meno influenti la mia rinuncia alla presidenza dell’Associazione Amici dell’Arcipelago, associazione che da poco avevamo voluto rilanciare.

Posidonia oceanica spiaggiata: risorsa o rifiuto?

21 maggio – Sala Consiliare Comune di La Maddalena

10.00 Saluti del Sindaco

10.10 Saluti del Consigliere Regionale

10.20 interventi del Parco nazionale dell’Arcipelago de La Maddalena

10.30 intervento dell’Associazione Amici dell’Arcipelago La Maddalena Onlus

10.40 Interventi:

Ministero dell’Ambiente

Danilo La Rocca Comune di Selinunte – Medcot – progetto italo-tunisino

David Pellegrini – Ispra

Massimo Guido – “Prime 2013” Life2009, Eco-Logica

Raffaello Cossu – Università di Padova

Moderatori del Parco nazionale Arcipelago de La Maddalena

12.00 Esperienze:

Egadi Sergio Cappucci – ENEA – progetto GERIN

Alghero Sindaco Comune di Alghero (?)

Moderatore – Associazione Amici dell’Arcipelago La Maddalena Onlus

15.00 Tavola Rotonda:

Parco nazionale dell’Arcipelago de La Maddalena

Asinara Pierpaolo Congiatu – direttore Parco Nazionale dell’Asinara – Vittorio Gazale – AMP

Capo Carbonara Fabrizio Atzori – direttore AMP

Sinis Mal di Ventre Giuseppe Massaro – direttore AMP

Tavolara Augusto Navone – direttore AMP

Capo Caccia Francesca Valentina Caria – direttora AMP

Ustica Salvatore Livreri Console – direttore AMP

Egadi Stefano Donati – direttore AMP

Raffaello Cossu – Università di Padova

Marevivo Giancarlo Bovina

Moderatore Franco Foresta Martin – giornalista scientifico

Invitati: sottosegretaria all’Ambiente Silvia Velo, presidente e consiglio direttivo Parco dell’Arcipelago, presidente della Regione Sardegna, Assessori regionali al Turismo e all’Ambiente, consigliere regionale di La Maddalena Pierfranco Zanchetta, Sandro De Muro Università di Cagliari, assessori Comune di La Maddalena, sindaci dei Comuni di Arzachena, Alghero, Santa Teresa, Palau, Prof. Nicola Secchi Dip. Di Architettura Università di Sassari, Mario Corongiu presidente di Ancim e sindaco di Sant’Antioco, associazioni ambientaliste Italia Nostra, Pronatura e Legambiente Sardegna, Comitato Risarcire Maddalena, Comitato S. Maria Maddalena, Touring Club Italiano, sindaco di Bonifacio, sindaco di Ajaccio

Con la collaborazione di Marevivo e del Centro Velico Caprera

Con il patrocinio di: Comune di La Maddalena

Associazione Amici dell’Arcipelago La Maddalena ONLUS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *