La Maddalena (OT): Secondo la ASSL di Olbia i Trattamenti di Ossigenoterapia a La Maddalena sono “Percorsi terapeutici garantiti”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Ecco quanto afferema in un comunicato la ASSL Olbia:
OLBIA, 22 NOVEMBRE 2017 – In merito all’articolo pubblicato nelle pagine odierne de La Nuova Sardegna, dal titolo “Camera iperbarica chiusa, esposto in Procura”, la Ats – Assl Olbia precisa quanto segue:

Nella giornata di oggi, mercoledì 22 novembre 2017, dalle ore 09.00 è in corso un trattamento di ossigenoterapia nella camera iperbarica dell’ospedale di La Maddalena.
L’attività di ossigenoterapia, si precisa, è un’attività programmabile, pertanto, compatibilmente con i trattamenti terapeutici in corso, la direzione ospedaliera, aveva previsto di mandare in ferie uno dei medici che al “Paolo Merlo” si occupa di ossigenoterapia e che aveva maturato un numero tale di ferie da non esser più rinviabili.
La scorsa settimana, quindi, sulla base della programmazione fatta dallo stesso medico, si era stabilito di sospendere l’attività per due settimane, a partire da lunedì 20 novembre.

Nella giornata di lunedì, però, appreso dagli stessi pazienti che alcuni non avevano concluso il trattamento terapeutico, la direzione ospedaliera ha immediatamente riorganizzato l’attività dell’ossigenoterapia (che si precisa prevede in turno oltre ad un medico, anche un tecnico e un infermiere abilitati), ha ricontattato i pazienti che ancora non avevano concluso il ciclo di cure e, questa mattina, ha riavviato l’attività che proseguirà sino alla conclusione dei trattamenti.

L’ossigenoterapia, garantita a La Maddalena nella Camera Iperbarica, è un’attività programmata, pertanto è programmabile anche una sua sospensione che può esser effettuata nel periodo di assenza di trattamenti; quindi, soprattutto a fronte della temporanea carenza di personale della Assl di Olbia, non è escluso che nell’arco dell’anno possano esserne programmate delle altre. È però intendimento della Ats-Assl Olbia pianificarle senza generare disagio tra i pazienti.

Fonte aslolbia.it

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar