La chiusura delle nuove quattro province potrebbe essere un buon inizio [ma, naturalmente, non lo sarà]

La macchina politico-burocratica in Sardegna è un mostro mangiasoldi e dispensatore di inefficienza. Chiunque abiti nell’ isola vede tutti i giorni con i suoi occhi un florilegio di spreco. Un esempio per tutti: Abbanoa con i suoi 900 milioni di debiti. Ma è solo un esempio tra le centinaia. L’ abolizione delle nuove provincie potrebbe essere un primo passo per risollevare le sorti di una regione allo stremo: disoccupazione alle stelle, povertà in aumento … tanto per intenderci. Siamo ad un punto di non ritorno : o viene bloccato questa mare putrescente di inefficienza e di spreco o, noi sardi, non avremo la possibilità di usufruire di servizi essenziali come la sanità o la tutela dell’ ambiente. Ma una classe politica ( ad essere bonari) inefficiente, inadeguata ed obsoleta non può riuscire a farci fare marcia indietro da questo punto di non ritorno. E’ avida di voti e di prebende ed incurante del bene comune. Certo che da questo mare di inefficienza ci campano centinaia di famiglie dalle quali provengono migliaia di voti. Ma la scelta è tra il porre fine agli sprechi o non avere le cure adeguate quando ne abbiamo bisogno.

p.s. Le provincie, per la verità, le avremmo abolite tutte per referendum, ma la volontà popolare a quanto si vede conta solo per le elezioni politiche ed amministrative (sic!).

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
AdBlocker rilevato!

Abbiamo rilevato ADBlock  nel vostro browser. Affinché possiamo continuare a offrirvi il nostro servizio nel miglior modo possibile dovreste disattivarlo oppure inserire www.piazzagallura.org nella vostra withelist. Nel nostro sito non appariranno mai video pop-up fastidiosi che rendono impossibile la lettura delle notizie. Grazie per la vostra cortese collaborazione PIAZZAgallura.org

Close