Giornata mondiale contro l’ipertensione: l’iniziativa della Assl di Olbia

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

(Comunicato ASSL Olbia)

OLBIA, 15 MAGGIO 2017 – La Assl di Olbia si schiera contro l’ipertensione e invita la popolazione a tenere sotto controllo la propria pressione: in occasione della XIII edizione della giornata mondiale contro l’ipertensione, a Olbia gli specialisti sensibilizzeranno la popolazione ed effettueranno il controllo della pressione.
Mercoledì 17 maggio, nei giardini della struttura sanitaria San Giovanni di Dio, in viale Aldo Moro, a Olbia, verrà allestita una postazione medica, in cui gli operatori del Distretto della Assl, con la collaborazione dei volontari della Croce Rossa Italiana, saranno a disposizione della popolazione per parlare della patologia definita il “killer silenzioso e invisibile”. “L’ipertensione arteriosa è la principale causa di malattie cardiovascolari (infarto del miocardio, ictus cerebrale, scompenso cardiaco) che in Italia provocano 240 mila morti ogni anno, pari al 40% di tutte le cause di morte. Inoltre predispone anche allo sviluppo di malattie renali, di demenza e di nuovi casi di diabete. Tutti i dati epidemiologici più recenti hanno documentato una elevata prevalenza della ipertensione arteriosa in tutto il mondo. In Italia ne soffre il 30% della popolazione, ovvero 15-16 milioni di persone ma nonostante la disponibilità di terapie efficaci per la grande maggioranza dei casi, solo un paziente iperteso su 4 è adeguatamente curato. In Sardegna il 33% degli uomini e il 29% delle donne sono ipertesi (dati Istituto Superiore di Sanità)”, spiegano i cardiologi del Distretto della Assl di Olbia che mercoledì saranno presenti nel piazzale della struttura sanitaria “San Giovanni di Dio”.

Nella passate edizione, l’età media dei pazienti che hanno partecipato alla giornata mondiale contro l’ipertensione è stata di 58 anni (con il più giovane di 26 e il più anziano di 90), in parte si trattava di pazienti ipertesi in trattamento (il 47%); il 5% dei pazienti, però, non sapeva di esser iperteso, quindi con la nuova diagnosi sono stati invitati a modificare il proprio stile di vita, monitorare costantemente la pressione arteriosa e recarsi dal proprio medico di medicina generale per le cure e gli ulteriori accertamenti.

La patologia – Si parla di ipertensione arteriosa quando i valori di sistolica e/o di diastolica superano i 140 mmHg (per la massima) o i 90 mmHg (per la minima). Si parla invece di condizione di rischio quando il valore della pressione sistolica è superiore a 140 e 90 mmHg. Nella maggior parte dei casi la patologia non dà sintomi e non ha una causa evidente. Nonostante la disponibilità di terapie efficaci per la grande maggioranza dei casi, solo un paziente iperteso su quattro segue una terapia adeguata.

Alcuni consigli utili – Il valore della pressione dipende anche dagli stili di vita adottati fin dalla giovane età: mangiare con poco sale, assumere molta frutta e verdura, camminare e non fumare, aiutano, nel corso della vita, a mantenere la pressione a livelli buoni.

L’appuntamento
– Mercoledì 17 maggio 2017, dalle ore 09.00 alle 12.00, nei giardini della struttura San Giovanni di Dio: una postazione medica darà l’opportunità ai cittadini di effettuare il controllo gratuito della pressione. Non sono necessari né l’appuntamento né l’impegnativa medica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *