Category Archives: Ricordo

Arzachena (OT): Archeoday 2018

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Anche Arzachena celebra le Giornate Europee del Patrimonio promosse dal Ministero dei Beni culturali con la seconda edizione di Archeoday.

Sabato 22 e domenica 23 settembre 2018, in concomitanza con eventi e attività culturali organizzate in tutta Italia, anche ka cittadina gallurese ospita speciali appuntamenti per raccontare e condividere in modo nuovo la sua storia antica racchiusa in 8 straordinari siti archeologici.

Il tema dell’edizione 2018 è dedicato proprio all’Arte di condividere.


Gli appuntamenti sono ospitati al villaggio nuragico La Prisgiona, al circolo megalitico di Li Muri, alle Tombe dei Giganti di Coddu ‘Ecchju, Moru e Li Lolghi e al nuraghe Albucciu.

I siti archeologici distano poco meno di 5 chilometri dal centro abitato di Arzachena e dalla vecchia stazione dei treni (300 metri dal bivio per Bassacutena) che oggi ospita il museo Labenur, sede di alcuni degli eventi in calendario nel fine settimana.

Si potranno scegliere tra 4 percorsi guidati e 2 laboratori tematici per vivere un’esperienza davvero unica alla scoperta del fascino più remoto di Arzachena e dell’intera terra sarda.


22 e 23 settembre, dalle 10.00 alle 15.00.
“Storie di Megaliti”, “Nuraghi a confronto”, “I nuragici e il culto dei morti” e “Un giorno da nuragici” sono i 4 percorsi guidati fruibili in italiano e in inglese nei siti archeologici.

22 e 23 settembre, alle 10.30.
Partecipa ai laboratori di ceramica nuragica al museo Labenur.

22 settembre, alle 16.30
Prendi parte al laboratorio di pittura preistorica.

23 settembre, dalle 16.00 alle 19.00.
Al nuraghe Albucciu è protagonista l’Accademia Arte Arzachena che propone l’ingresso gratuito per un reading a tema, un laboratorio di rappresentazione grafica per bambini e performance musicali.
L’evento è promosso dal Comune di Arzachena e realizzato in collaborazione con la municipalizzata Ge.se.co e il Ministero dei Beni Culturali – Polo museale della Sardegna.


Per informazioni su come organizzare il fine settimana ad Arzachena in occasione dell’Archeoday chiamare l’ufficio Turismo al numero (+39) 0789844055o scrivi all’indirizzo email assessorato.turismo@comunearzachena.it

VIA arzachenaturismo.com/

Tempio Pausania (OT): 28 luglio 1983 – 28 luglio 2017

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Tempio Pausania (OT): 28 luglio 1983 – 28 luglio 2017

E’ morto il chitarrista Rudy Riotta, partecipò nel 2014 al “Mud season blues festival” a favore degli alluvionati di Olbia

Rudy Riotta

Rudy Riotta al Teatro del Carmine il 19 gennaio 2014 per il Mud Season Blues Festival. Ph. by Margherita Cossu

 

Il mondo della musica  è in lutto. E’ morto Rudy Rotta. Il chitarrista, cantante e compositore si è spento oggi pomeriggio  (3 luglio 2017) dopo aver lottato contro una malattia incurabile. Aveva 66 anni.
Figlio di emigrati in Svizzera, Rudy Rotta era arrivato 18enne a Verona, dove aveva mosso i primi passi di una carriera che lo ha portato a conquistare i palcoscenici internazionali, venendo invitato come ospite a numerosi Festival Blues in Europa e oltreoceano. Rudy Riotta, partecipò nel 2014 al “Mud season blues festival” in favore degli alluvionati di Olbia e che fece tappa ad Aglientu, Arzachena, Olbia e Tempio-

“Oggi se ne va un grande amico del l’Aglientu Summer Blues Festival .. un grande artista .. non dimenticherò mai quando lo abbiamo chiamato a suonare per il nostro festival per gli alluvionati di Olbia , senza compenso , non ha esitato un attimo a dirmi di sì , ha rinunciato ad un concerto in Germania , al compleanno del padre novantenne, per venire da noi .. e regalarci un concerto strepitoso .. la tua arte rimarrà sempre con noi !grazie Rudy r.i.p” scrive su Facebbk Massimo Tiveddu il presidente dell’Associazione Culturale “La muìta” che organizzò l’evento.

In occazione della sua esibizione al Teatr del Carmine di Tempio scrivemmo:” il chitarrista Rudy Rotta, èapprezzatissimo a livelli internazionali tanto da aver suonato con i più grandi bluesman contemporanei come BBKing e John Mayall. La sua padronanza tecnica della chiatarra è assoluta, la velocità talvolta diabolica. Nella sua performance ha spaziato dal blues al rock concedendo qualcosa anche al melodico (in un brano dedicato ai bambini).”

Il teatro popolare gallurese di Marcuccio Achenza

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

L’amori no è ciudda

Il ricordo del chitarrista Davide Calaminici nelle parole di Sandro Fresi nella presentazione del CD “Cantigos a chiterra” di Maria Teresa Pirrigheddu

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire
Lunedì 12 giugno 2017 allo Spazio Faber di Tempio Pausania l’associazione culturale Iskeliu presenta il CD “Cantigos a chiterra” di Maria Teresa Pirrigheddu, un lavoro molto interessante nel quale si potrà apprezzare oltre alla voce della notissima cantante tempiese anche la mestrìa del compianto chitarrista Davide Calaminici scomparso alcuni  anni fa e che Sandro Fresi nella presentazione del CD ricorda così

Il suo è un accompagnamento a ” s’antiga’; agili mani su corde di bronzo tessono trame di accordi che docili e puntuali inseguono i disegni del canto. Arpeggi a lungo studiati alla scuola di antichi maestri profumano ancora di cadenze iberiche e di ginepri e elicriso dei monti di Tempio,solcando abissi temporali e luoghi dell’anima.Dicono che abbia voluto suonare fino all ‘ultimo la sua amata chitarra sarda.

 

Omaggio a Margherita Achenza

Margherita Achenza

La foto di Margherita Achenza è di Maria Antonietta Pirrigheddu

A poco più di un mese dalla scomparsa di Margherita Achenza, donna di grande sensibilità e valore umano e profonda conoscitrice della cultura gallurese, ne vogliamo ricordare la sua figura e la sua personalità grazie ad un’idea di Sandro Fresi. Lo facciamo pubblicando una sua bella e tenera favola, “La culbulitta di li fichi“, da lei recitata in gallurese ed incisa per il Cd “Speradifòli” di Sandro Fresi et Iskeliu e scaricabile gratuitamente cliccando col tasto destro sul player qui sotto

Il testo di “La culbulitta di li fichi” con trascrizione e traduzione a fronte di Andrea Muzzeddu:

Ringraziamo per la sensibilità e la disponibilità la famiglia Achenza Muzzeddu e Maria Antonietta Pirrigheddu della quale abbiamo utilizzato una foto da lei pubblicata su Facebook.

La Maddalena (OT): moltissime persone hanno partecipato commosse ai funerali di Mario Ferrigno aka Rock Lupo

Rock Lupo

Foto di Rock Lupo

La Maddalena (OT) 29 ottobre 2016. Moltissime persone hanno partecipato con commozione ai funerali , svoltisi nel pomeriggio di oggi e celebrati da don Paolo Piras, di Mario Ferrigno conosciuto per la sua attività artistica con l’ aka Rock Lupo. Rock Lupo è stato collaboratore di questo sito che ha arricchito con le sue straordinarie immagini e le sue foto avrebbero avuto riconoscimento anche su siti di livello internazionale. Animato da un amore incommensurabile per la natura e per le persone sapeva cogliere gli aspetti più belli di entrambe. Innamorato anche della sua isola, La Maddalena, ha saputo esaltarne tutti gli aspetti, i segreti e i misteri con un raro senso della bellezza.. Il valore estetico del suo lavoro è stato pari alla sua umanità. Per noi è stato un onore collaborare con lui. Se volete ricordalo, fatelo guardando le sue foto.

L’ultimo viaggio del Lupo Rock

Rock Lupo

Ph. by Rock Lupo

Rock Lupo è partito per il suo ultimo viaggio. Da solo. Senza le sue lupe e suoi lupetti. Ci lascia con l’incanto della potenza e dello splendore delle sue immagini. Ringraziarlo per la sua collaborazione è poco e quasi insignificante.
Mario, le tue foto rimarranno con noi e dopo di noi.

AdBlocker rilevato!

Abbiamo rilevato ADBlock  nel vostro browser. Affinché possiamo continuare a offrirvi il nostro servizio nel miglior modo possibile dovreste disattivarlo oppure inserire www.piazzagallura.org nella vostra withelist. Nel nostro sito non appariranno mai video pop-up fastidiosi che rendono impossibile la lettura delle notizie. Grazie per la vostra cortese collaborazione PIAZZAgallura.org

Close