Castelsardo (SS): “La notte romantica” con finale col selfie in quota

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire
Ritorna a Castelsardo la “Notte Romantica dei borghi più belli d’Italia”, iniziativa che inaugura l’estate celebrando l’amore con un’immersione nell’atmosfera medievale dell’antica città regia. Il programma valorizza la bellezza del borgo storico realizzando una preziosa cornice di iniziative: mostre d’arte, concerti al tramonto, rievocazioni epiche, danze medievali, storytelling teatrali che narrano struggenti amori cavallereschi e appuntamenti dedicati alla più romantica delle visioni: il cielo stellato. Alla sua seconda edizione “la notte romantica”, diventa un evento internazionale, oltre alla maggior parte dei 271 borghi italiani certificati, vi partecipano anche i borghi delle omologhe associazioni spagnola e belga. A sostenere “la notte romantica” anche sponsor d’eccezione: la Rai ed il cornetto Algida, legato da sempre all’immaginario romantico dell’estate, che suggella l’importanza di un evento candidato a diventare nei prossimi anni una sorta di San Valentino estivo.

A partire dalle 18 in piazza Nuova il programma propone “artigiani in fiera” mentre sul lungomare Anglona la mostra “l’amore ai tempi della 500 e della vespa”, in collaborazione con il Club 500 Florinas ed il Vespa club di Sassari. Nella Loggia del municipio alle 18,30 spazio alla musica degli allievi della scuola civica comunale. Per i più romantici “aperitivo in barca” con partenze dal pontile G dalle 19 in via Marconi, si trasforma nella via degli artisti, con esposizioni di pittura, scultura e installazioni a cura dell’associazione respira’Arte e del liceo artistico Figari di Sassari. Mentre nella Sala X del Castello dei Doria, sarà visitabile, fino alla mezzanotte, la bellissima mostra “Tesori di Sardegna”, recentemente inaugurata da Vittorio Sgarbi e Philippe Daverio, che contiene veri capolavori dell’arte sarda del ‘900, provenienti dalla collezione De Montis, fra le altre le opere di: Giuseppe Biasi, Costantino Nivola, Maria Lai, Mario Delitala, le sorelle Coroneo, Eugenio Tavolara.

Grande musica nel parco Grannaddu dalle 19,30 con l’atteso concerto al tramonto che avrà come protagonisti Enzo Favata & Saffronkeira. Nel progetto musicale del duo melodia, paesaggio sonoro ed improvvisazione post jazzistica convivono con grande armonia. Enzo Favata, sin dai primi passi della sua carriera è stato affascinato dal mondo elettronico e dalla musica minimalista, accostando pian piano questo utilizzo alle sue produzioni musicali. L’artista utilizza l’elettronica dal vivo per filtrare, duplicare, creare loop dei suoi strumenti acustici, dai sassofoni ai clarinetti alle benas. Ad incontrare le sperimentazioni di Favata: Saffronkeira, alias Eugenio Caria, uno scultore del suono, architetto e designer di tavolozze melodiche e paesaggi sonori, miscelati in un clima di elettronica di classe elevata, tra il minimalismo e house music. Il duo mescola elettronica con melodie diafane e lunari in un mix di grande appeal.

Alle 20,30 con partenza ai bastioni di giù ritorna il progetto di storytelling narrativo-teatrale “Racconti erranti” curato da Monica De Murtas e Matteo Gazzolo che presenta storie e leggende del lontano medioevo ambientate a Castelsardo. Lo spettacolo itinerante condotto da Carlo Valle proseguirà alle 20,50 al castello dei Doria dove lo storico Alessandro Ponzeletti introdurrà le danze medioevali, curate dal giudicato di Torres e accompagnate dai tamburini di Francesco Simola, per poi raccontare le affascinanti storie legate al castello. Nella chiesa di Santa Maria alle 21,30 si potrà conoscere infine uno dei personaggi storici più iconici della storia sarda: Eleonora D’arborea la regina guerriera, interpretata da Maria Antonietta Caria, che incontrerà tra le mura della chiesa il suo amato sposo Brancaleone Doria (Roberto Bilardi). Ad impreziosire la pièce alcuni brani eseguiti dai cantori della confraternita dell’oratorio di Santa Croce. Dalle 22 nel centro storico maestri di tango argentino e per finire nelle terrazze del castello “e quindi uscimmo a riveder le stelle” un appuntamento dedicato alla magia del cielo stellato curato dall’osservatorio astronomico di Siligo.

L’evento più emozionante sarà senz’altro il selfie col bacio in alta quota, se lo scorso anno si era optato per la romantica mongolfiera, quest’anno sarà un più moderno elicottero a far provare sensazioni forti, con un breve ma intenso sorvolo sul promontorio. Tutte le informazioni ed i dettagli sugli eventi, della “Notte romantica” sono reperibili sul sito www.grandieventicastelsardo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *