La Maddalena. Nuovo corso del Parco: cacciare Mauro il custode di Budelli

Tutti hanno raccontato la storia di Mauro, l’eremita dell’isola di Budelli, il custode, di fatto, di Spiaggia Rosa. E di come avesse voluto, 28 anni fa, abbandonare il mondo degli uomini e ritirarsi e/o rigenerarsi, in solitudine, sull’isola dell’arcipelago de La Maddalena. Mai benvisto dagli isolani, per via delle leggende che si narravano lungo le strade del paese, su feste faraoniche, principi, principesse, e, al centro lui, vecchio, rugoso “padrone” di casa. Ma al di là delle Bocche, fuori dai venti di maestrale che intorbidiscono le menti, la storia di Mauro ha fatto il giro del mondo, appassionato dalle Americhe all’Oriente estremo, e tanti turisti sono venuti appositamente per conoscere e ascoltare le narrazioni del custode di Budelli. Come tanti sono stati ammoniti dall’oltrepassare i limiti di Spiaggia Rosa, proprio da Mauro in qualità di guardiano volontario  dell’inviolabilità del monumento naturale della spiaggia più bella del mondo. Ma sotto la cenere il fuoco arde….e sta cercando di bruciare l’esperienza di vita dell’ultimo eremita che alla tenera età di 80 anni vorrebbe morire stando già in paradiso. Non so se gli spetta, ma certo Mauro vorrebbe essere già sul posto. E invece i vertici del Parco, prima con l’ex presidente, poi con il commissario e oggi con il nuovo consiglio  direttivo, si danno come scopo primario del riscatto dell’Ente, sanare il ripostiglio di Budelli e quindi hanno preparato, ma ancora non inviato, una lettera di “allontanamento” indirizzata a Mauro.  Pensavamo tutti, che con i grattacapi, le gravi criticità e le problematiche con cui deve avere a che fare oggi l’Ente, per cercare di recuperare i danni che avevano portato al commissariamento, togliesse lo sguardo dai manufatti (in una minima parte abusivi) di Spiaggia Rosa e si concentrasse sulle soluzioni possibili per fermare l’erosione della Spiaggia dei Cavalieri, per arginare la distruzione di posidonia causata dagli ancoraggi selvaggi, per ridimensionare il flusso ormai insostenibile dei turisti sulle isole, per salvare Caprera dall’arrembaggio di macchine, moto, autobus, ecc. ecc. ecc. E che infine prendesse la corretta abitudine di presentare i progetti ai cittadini di La Maddalena (che sono i soli a poter mettere becco sul proprio territorio) prima di parlare di modifiche dei manufatti! Perchè si finisce per fare come per il centro visite di Spargi. Desaparesido con strascichi giudiziari. Quanti soldi si vuole buttare ancora? Capisco che l’ex presidente fece una promessa ai bambini di Mosso! Ma il nuovo presidente deve iniziare a fare promesse anche ai cittadini di La Maddalena ormai spogliati di tutto.E ricominciare….cacciando Mauro non è un buon inizio!

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
AdBlocker rilevato!

Abbiamo rilevato ADBlock  nel vostro browser. Affinché possiamo continuare a offrirvi il nostro servizio nel miglior modo possibile dovreste disattivarlo oppure inserire www.piazzagallura.org nella vostra withelist. Nel nostro sito non appariranno mai video pop-up fastidiosi che rendono impossibile la lettura delle notizie. Grazie per la vostra cortese collaborazione PIAZZAgallura.org

Close