Daily Archives: 26 settembre 2018

Luras (OT): Ecco tutto i programma della festa patronale del 2018

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Luras (OT), Sardinia, Italy

Olbia (OT): Laboratorio di Teatro Fisico

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

ll laboratorio è un percorso di ricerca e sperimentazione teatrale individuale e collettiva che pone le basi del lavoro sullo studio e l’approfondimento della conoscenza del nostro primo mezzo di comunicazione: il corpo. In questo senso per “corpo” non si intende esclusivamente la matrice corporea in senso fisico, ma un corpo come contenitore di impulsi e istinti, creatore e diffusore di emozioni, di metafore proiettate nel futuro, un corpo attivo e reattivo, involucro di sensazioni realmente vissute.
Cosa generano le nostre azioni fisiche? Quali sono i nostri automatismi? Qual è la connessione tra parola e azione? Quale spazio fisico occupa il silenzio?
Queste e tante altre saranno le domande che ci porremo insieme gli allievi all’interno di questo viaggio, attraverso un training dinamico basato su esercizi vocali e di respirazione, sulle dinamiche di movimento, spazio e tempo/ritmo,lavoro in maschera e improvvisazione.



Il laboratorio vuole essere un contenitore di idee nel quale ciascun partecipante potrà,immergendosi nel lavoro, trovare il proprio spazio espressivo attivo come attore/creatore. Il percorso si concluderà con un esito scenico finale.

LE MASTERCLASS
Durante l’anno si terranno delle masterclass con dei professionisti di varie discipline inerenti alla scena (voce, acrobatica, musica , teatrodanza etc…)

A CHI E’ RIVOLTO?
Adulti e ragazzi dai 16 anni in su,anche senza esperienza.
A chiunque abbia voglia di mettersi in gioco scegliendo il teatro come forma di espressione creativa.
Ai curiosi,a chi ha sempre voluto ma non ha mai avuto l’occasione.


ORARI
Il laboratorio si terrà tutti i martedì e i giovedì dalle 20.30 alle 22.30 da ottobre ai primi di giugno presso il centro Pakua Olbia ( Via Michele Moro 14). La frequenza assidua e regolare delle lezioni è necessaria per una buona riuscita del lavoro.

***LE LEZIONI INIZIERANNO IL 2 OTTOBRE 2018 PRESSO IL CENTRO PAKUA OLBIA.
DURANTE LA PRIMA LEZIONE VERRA’ PRESENTATA L’INTERA PROGRAMMAZIONE DEL LAVORO.
Si ricorda a tutti i partecipanti che è opportuno indossare degli indumenti comodi ( tuta,leggins, t-shirt )

info e contatti : 3409384135 (GIADA) – Facebook: GIADA DEGORTES


GIADA DEGORTES:
Sin dall’adolescenza studia danza e si avvicina al mondo del circo e della performance art. Vive e lavora per tre anni nel centro artistico e culturale alternativo “EXQ”, dove matura molteplici collaborazioni in ambito artistico e teatrale, lavorando con varie compagnie sarde.Si laurea all’Accademia di Belle Arti in Nuove Tecnologie con una tesi sul « Corpo scenico nel teatro contemporaneo » e continua la sua formazione nel campo del teatro nella prestigiosa scuola di Jacques Lecoq a Parigi. In Francia entra a far parte di un collettivo di giovani artisti e partecipa con spettacoli e performance a diverse manifestazioni e festival. Negli anni integra i suoi studi con molteplici stages e seminari legati alle discipline corporee (teatro fisico,teatrodanza,contact improvisation,mimo etc..) con maestri di fama internazionale come Cathy Marchand e Nina Dipla. Da sei anni pratica arti marziali. Attualmente prosegue il suo master in Cinematografia documentaria e continua la sue ricerche e sperimentazioni non solo in ambito performativo ma anche nel settore artistico attraverso la fotografia,la videoarte e l’installazione.
Il laboratorio avrà lugio presso PakuasardegnaVia Michele Moro 14, 07026 Olbia a martedì 2 ottobre 2018 dalle ore 20:30 alle 23:30d

Aggius (OT): Africa Unite in concerto per l’apertura festa patronale di Aggius 2018

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Sabato 6 ottobre 2018:
•18.30 – Celebrazione della s. Messa nella chiesa di nostra signora del Rosario.
• 19.30 – Benedizione delle bandiere e apertura ufficiale della festa con la banda musicale di Aggius.
•22.00 – Africa Unite in concerto e dj set Francesco Cirelli. A seguire i dj Luca & Ernesto

“Gli Africa Unite – si lege su Wikipedia – sono un gruppo musicale rocksteady-dub nato a Pinerolo (TO) nel 1981 ed è considerata la prima band del panorama reggae italiano. Il nome deriva dall’omonima canzone di Bob Marley, artista al quale si sono sempre direttamente ispirati.
Gli Africa Unite nascono nel 1981 come Africa United, da un’idea di Bunna e Madaski, due musicisti di Pinerolo. Al gruppo si uniscono subito Ciro Cirri e Ras Cal, rispettivamente al basso acustico e alla batteria. Il primo lavoro ufficiale arriva nel 1987 e l’LP si intitola Mjekrari (che significa barbiere, prendendo spunto da un’insegna di un negozio di un piccolo paese d’origini arbëreshë del cosentino chiamato San Basile, luogo in cui gli Africa Unite si esibiscono nei loro primi concerti durante gli anni ’80[1]). L’album, ispirato al reggae di Bob Marley, riscuote un buon successo e porta la band a farsi conoscere come una delle prime reggae band italiane nel pur fervente panorama musicale degli anni ’80, oltre ad aprire il concerto romano di U Roy. Nel 1988 entra nel gruppo anche Papa Nico, percussionista, con trascorsi di batterista punk con alcune band torinesi quali Rough e un’esibizione in Francia che lo vede protagonista con i Blue Vomit sostituendo il loro batterista Enrico Falulera, percussionista. Nello stesso anno arriva il secondo album, Llaka, anch’esso con una connotazione reggae. In quel periodo aprono alcuni concerti italiani di King Sunny Adé e di Linton Kwesi Johnson, e suonano anche in un concerto a Padova, per Amnesty International.



Il lavoro successivo arriva nel 1990, ed è People Pie, che aumenta ancora di più il loro successo e propone un sound ancora più raffinato rispetto ai precedenti lavori; suonano infatti all’Arezzo Wave e a Negril, in Giamaica, preceduti da Gregory Isaacs. Dopo questa esperienza il gruppo cambia il nome in Africa Unite, e arrivano quattro nuovi membri: Sergio Pollone alla batteria, Max Casacci (futuro leader dei Subsonica) alla chitarra, Paolo “The Angelo” Parpaglione al Sax e Mauro Tavella al campionatore. Nel 1993 arriva Babilonia e poesia, primo album cantato interamente in italiano; il disco li porta a suonare in Francia, nei Paesi Bassi, in Regno Unito e in Iraq, al Festival di Babilonia. Dopo il tour entra nella band il bassista Cato (Gianluca Senatore). Il gruppo registra prima un pezzo per la compilation Materiale resistente, Il partigiano John, e in seguito un album intero, intitolato Un sole che brucia. Arriva alla batteria Davide Graziano a sostituire Sergio Pollone, e il collettivo suona a Rennes, nel festival Les Transmusicales. Nel 1996 esce In diretta dal sole, sotto etichetta Polygram, e dopo il tour dell’album Max Casacci lascia gli Africa Unite cambiando genere, e arrivando successivamente a fondare i Subsonica[1].



Nel gruppo entra Ru Catania a sostituire Max, e la band sforna nel 1997 l’album Il gioco. Dopo l’album incomincia una serie di concerti fino ad arrivare a suonare a Pordenone, al Rototom Sunsplash. Nel gruppo entra un trombonista, Gigi De Gaspari aka Mr. T-bone, e nel 2000 esce Vibra. In quel periodo gli Africa Unite sono attivi contro la pena di morte, e inseriscono nell’album una canzone schierata, dal titolo Sotto pressione, il cui video viene girato in collaborazione con le associazioni umanitarie Amnesty International, Comunità di Sant’Egidio e Nessuno Tocchi Caino. Nel 2001 esce 20, album dedicato a Bob Marley, per celebrare il ventennale della sua morte, avvenuta nel 1981. Successivamente si uniscono al gruppo Kikke alla Tastiera e Paolo Baldini dei B.R. Stylers al basso a sostituire Cato. Con questi nuovi membri la band sforna due nuovi album, Mentre fuori piove nel 2003 e Controlli nel 2006.”

AdBlocker rilevato!

Abbiamo rilevato ADBlock  nel vostro browser. Affinché possiamo continuare a offrirvi il nostro servizio nel miglior modo possibile dovreste disattivarlo oppure inserire www.piazzagallura.org nella vostra withelist. Nel nostro sito non appariranno mai video pop-up fastidiosi che rendono impossibile la lettura delle notizie. Grazie per la vostra cortese collaborazione PIAZZAgallura.org

Close