Daily Archives: 16 settembre 2018

La Maddalena (OT): Manifestazione “Nun Tuccheti A Sanità Pubblica e u Paolo Merlo”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Gli organizzatori della manifestazione, Caminera Noa e il Comitato Cittadino in difesa del “Paolo Merlo”, su Facebook scrivono quanto segue:

GIÙ LE MANI DALLA SANITÀ PUBBLICA! GIÙ LE MANI DALL’OSPEDALE “PAOLO MERLO”!

La sanità pubblica è un bene comune che va tutelato anche impedendo progetti di speculazione privata che la danneggino. Nonostante si faccia di tutto per evitare di associare la realizzazione del Mater Olbia al ridimensionamento della rete ospedaliera pubblica di La Maddalena, tutta la Gallura e di tutta la Sardegna, la verità è facilmente dimostrabile e tutta contenuta nelle diverse disposizioni di legge dal 2014. L’accordo imposto da Renzi a Pigliaru per agevolare “gli investimenti privati nelle strutture ospedaliere” è chiaramente riportato nella legge di stabilità 164 del 2014. Il “punto di riferimento per la Gallura”, come è definito il Mater, costerà caro all’isola: mentre la parola d’ordine per gli ospedali pubblici è “riduzione della spesa”, per il Mater, gli euro messi a bilancio ammontano a 55,6 milioni l’anno (Deliberazione di Giunta Regionale n.24/1 del 26/06/2014).
Non è un caso che in questi ultimi due anni siano nati già sedici Comitati in difesa degli ospedali e dei propri territori, molti dei quali convergono nella Rete Sarda in difesa della Sanità Pubblica.


LE NOSTRE RICHIESTE: Caminera Noa e il Comitato Cittadino in difesa del “Paolo Merlo” di La Maddalena chiedono non solo il miglioramento dei servizi ospedalieri pubblici di grandi dimensioni che invece sono impoveriti in tutta la Sardegna, ma soprattutto la tutela dei piccoli e quelli delle “zone disagiate”, che sono a rischio chiusura o che sono declassati e trasformati in pronto soccorso o strutture di lunga degenza. L’efficienza della sanità pubblica non può essere intesa come un mero taglio delle spese, bensì come una reale riorganizzazione che garantisca uguali servizi di qualità per tutti, a prescindere dalla densità abitativa delle aree di interesse.

Quello dell’Ospedale “Paolo Merlo” di La Maddalena è sicuramente uno dei casi più emblematici. Un esempio dei tanti danni subiti è quello del punto nascita: a tal proposito chiediamo che non sia chiuso solo perché non risponde a parametri, europei e italiani, stabiliti sulla base di concetti economici di austerity completamente decontestualizzati dalle realtà cui sono applicati. Chiediamo perciò che si applichi la deroga così com’è stato per altri ospedali definiti di “zone disagiate”, per esempio in Sicilia: Bronte, Licata, Nicosia, Corleone, Pantelleria e Cefalù; in Trentino: Cles e Cavalese; in Emilia Romagna:Scandiano (Re) e i due situati nel cratere sismico: Mirandola (Mo) e Cento (Fe).
Ripristino e/o potenziamento dei servizi soppressi o ridimensionati a La Maddalena:

Oncologia: aperta ufficialmente, in realtà non eroga terapie, solo il prelievo propedeutico alla terapia;
Dialisi: chiude alle 14, dopodiché non c’è la reperibilità;
Ginecologia: soppressa a causa della soppressione del percorso nascite previsto in riforma;
Pediatria: aperto solo due volte la settimana;
Iperbarica: solo ossigenoterapia, non funziona per emergenze;
Chirurgia: chiusa, neanche ambulatoriale;
Farmacia ospedaliera:i farmaci arrivano da Olbia e, se non ci sono ambulanze disponibili, non possono essere somministrati ai pazienti;
Elisoccorso: per quanto efficiente, nel caso di doppia emergenza o in condizioni meteorologiche sfavorevoli, non potrà mai sostituire l’assistenza diretta in loco.


FERMIAMO LA COLONIZZAZIONE DA PARTE DEL QATAR

La Qatar Investment Authority, il fondo sovrano del Paese più ricco del mondo, ha acquistato nel 2012, la Smeralda Holding dal finanziere americano-libanese Tom Barrack, entrando in possesso di un patrimonio immobiliare consistente in 4 alberghi, la marina di Porto Cervo, il Pevero Golf Club e soprattutto nei 2.300 ettari di terreni vergini su cui oggi incombe la minaccia di una immensa lottizzazione. Inoltre La Maddalena, dal gennaio 2019, ospiterà, a seguito di un accordo tra Qatar, Ministero della Difesa, col beneplacito della Regione Sardegna, i soldati del Qatar che si formeranno e si eserciteranno nella scuola sottufficiali «Domenico Bastianini» di La Maddalena. In “cambio” l’emiro Al Thani ha annunciato l’acquisto di quattro corvette per la difesa aerea, prodotte da Fincantieri, perciò il Qatar è in grado, con il flusso di investimenti milionari spalmati in più settori strategici, dai trasporti alla sanità, di influenzare decisioni politiche importanti.

Ha ragione Claudia Zuncheddu a definire l’intera vicenda del Mater Olbia come una «operazione coloniale senza precedenti» avallata dalla quasi totalità delle forze politiche isolane (comprese alcune sedicenti sardiste o sovraniste). Il miraggio di investimenti qatariani nel Mater Olbia, lasciano intravvedere il preludio per l’abbattimento di vincoli e impedimenti all’aumento di cubature e alla realizzazione di nuove faraoniche costruzioni. In poche parole più cubature, cemento e deroghe in cambio di petroldollari. In questa direzione pare essere orientato il governo Pigliaru e i suoi alleati sovranisti che intendono modificare il PPR del 2006.


Caminera Noa e il Comitato Cittadino in difesa del “Paolo Merlo” di La Maddalena invitano tutti i cittadini di La Maddalena, Gallura e Sardegna e tutte le associazioni e i movimenti politici sensibili a tali tematiche, a partecipare domenica 22 settembre alle ore 11:00, nel parcheggio degli ospedalieri Piazzale Opera Pia davanti all’ospedale, alla manifestazione a sostegno del “Paolo Merlo”contro la privatizzazione della sanità sarda a sostegno della Sanità Pubblica, sempre più impoverita sia di risorse sia di servizi.
Il microfono sarà aperto a tutte le opinioni con la sola discriminante dell’educazione e del rispetto reciproco.

Olbia (OT): Workshop di scrittura noir con Piergiorgio Pulixi

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

L’edizione di quest’anno di Tinte Fosche – autunno in noir avrà un paio di perle. Questa è la prima: un workshop di scrittura noir con Piergiorgio Pulixi, autore che oramai non ha bisogno di presentazioni.
Gli organizzatori ringraziano il comune di Olbia, Tirrenia Compagnia Italiana NavigazioneSky Arte, media partner dell’evento e Fondazione di Sardegna.

Paolo Turci @ Calangianus

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Calangianus (OT) 15 settembre 2018

Tempio Pausania (OT): Sono aperte le iscrizioni alla Scuola Basket Roosters per la stagione sportiva 2018/2019

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Sono aperte le iscrizioni alla Scuola Basket per la stagione sportiva 2018/2019.
Le nostre attività:
– MICROBASKET bambine/i nati nel 2013-2014
– MINIBASKET bambine/i nati nel 2007-2012
– BASKET FEMMINILE ragazze nate nel 2002-2006
– BASKET GIOVANILE ragazzi nati nel 2002-2006
– BASKET SENIOR (UISP) ragazzi nati dal 2001
Tutte le attività saranno seguite da almeno 2 Istruttori qualificati.
Per ulteriori informazioni è possibile chiamare i numeri presenti nella locandina o mandare un messaggio di posta privata o nella pagina Facebook della scuola

Tempio Pausania (OT): Giornata conclusiva di “Bookolica – Festival dei lettori creativi”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Si conclude oggi con degli appuntamenti davvero interessanti Bookolica – Festival dei lettori creativi. Ecco il proramma della giornata:

“Sbadigli d’autore”
colazione con gli ospiti del festival
Tempio Pausania | Piazza Fabrizio De André | Bar Don Raffae’ – h 10.00

“Prime tracce”
Andrea Mereu: “Lughia Delughe”
sonorizzazione del Nuraghe Majori a cura di Gionata Mirai
Tempio Pausania | Nuraghe Majori – h 11.30

“ Lo Spazio Bianco” (6 – 13 anni)
laboratorio di street art per bambini e genitori cura di Eldi Veizaj
Tempio Pausania | Fonte Nuova – h 15.00


“Altre Direzioni”
Cristina Cassar Scalia: “Sabbia nera”
Bortigiadas | Funtana Noa – h 17.00

“Titolo di viaggio”
Savina Dolores Massa:
“Per assassinarvi – Piacere siamo spettri” con Alberto Masala
Tempio Pausania | Stazione Ferroviaria – h 18.30

“Contrappunti”
tra scrittura e immagine
Jonny Costantino e Nicola Samorì: “Mal di fuoco”
Tempio Pausania | Piazza Fabrizio De André – h 21.00

“Apparire, Brillare, Morire”
Corpo vivo lotta!
reading musicale tratto da “Mal di fuoco”
con Fulvio Accogli e Gionata Mirai
Tempio Pausania | Piazza Fabrizio De André – h 22.00

Tempio Pausania (OT): “Oxidiana”, Laboratorio con Atelier-presentazione degli strumenti arcaici della Sardegna e realizzazione di un cd/dvd con audioracconto a cura di Sandro Fresi

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Se c’è una parola per definire la vita dei sardi tra bronzetti e nuraghe, forse questa è ‘felicità’>

“Sergio Atzeni

OXIDIANA

Suoni magico-rituali dal terzo millennio a.C.

Laboratorio nell’ambito del progeto PLUS con Atelier-presentazione degli strumenti arcaici della Sardegna e realizzazione di un cd/dvd con audioracconto a cura di Sandro Fresi e l’associazione Iskeliu

Nel corso del laboratorio si potranno ascoltare le armonie millenarie delle benas, il canto ancestrale dell’ iniziazione alla danza ed il vibrare delle pelli dei tamburi della festa. Chigulas e muscones, taulittas e ballariani, giocattoli sonori troppo in fretta dimenticati,  porteranno in un viaggio a ritroso nel tempo, tra le pietre ed il cisto in cui sono nati, accompagnando le parole quasi profetiche di Sergio Atzeni.
Il suono tribale ora muta in quello dell’organo a mantice del nostro medioevo che accompagna un canto di parole e dialetti e fonemi rimasti nell’isola a ricordare la nostra ricchezza, invano cercata altrove.
Lo spirito dei Corsi  che risuona ancora nel flauto di corno di capra e nella carramusa di canna; la presenza dei fenici tra il suono misterioso di lu trimpanu e della serraggia, così come lo strepito degli strumenti devozionali che annunciava i riti agrari della primavera.
LABORATORIO-elaborazione grafica e registrazione creativa
Nell’incontro si avrà una visione della totalità degli strumenti, oggetti sonori ed ordigni fonici superstiti e spesso fortunosamente sottratti alle ingiurie della desuetudine.
Verranno scoperti gli oggetti sonori della Settimana Santa: servivano ad annunciare l’approssimarsi delle funzioni religiose durante il triduo pasquale, periodo durante il quale le campane venivano legate. Costruite con materiali poveri quali una tavola di legno con batacchio di vecchie porte (le Matraccas)- ancora con legno le rana ‘e taula (rana di tavola), costruite dal falegname per i più abbienti, e le rana ‘e canna (rana di canna), fatte in casa dai più poveri, esprimono insieme agli straordinari tamburi di S. Maria di Bortigali, in provincia di Nùoro, alle taulittas o strocculas, alle chigulas, ritualità e devozione cristiana dei Sardi. E’ convinzione degli studiosi che queste manifestazioni siano in realtà anteriori alla cristianizzazione e residui di antichi riti agrari di primavera o momenti magici che danno allo strepito valore apotropaico.
Si ascolterà su TRIMPANU, ordigno fonico costituito da un cilindro di sughero grezzo su cui è montata una pelle di capra dalla quale, verso la parte interna al cilindro, si inserisce uno spago impeciato.
Facendo scorrere le dita sullo spago si mette in vibrazione la membrana che emette un suono roco e sinistro, in grado di infastidire gli animali. Veniva utilizzato oltre che dai pastori per allontanare le volpi dalle greggi, anche dai latitanti alla macchia perché il suo suono aveva il potere di far imbizzarrire i cavalli, disarcionando i Reali Carabinieri a cavallo.
Al laboratorio seguiranno alcune sedute di registrazione effettuate con uno studio mobile professionale che confluiranno, assieme ai suoni, ai disegni ispirati dagli strumenti e alle voci dei ragazzi che leggeranno i passi più evocativi del romanzo di Sergio Atzeni ‘Passavamo sulla terra leggeri’, in un supporto digitale (cd o dvd) stampato in un congruo numero di copie a testimonianza del lavoro di ricerca eseguito.
FINALITA’ e RISULTATI ATTESI
Il laboratorio è destinato a bambini, ragazzi e adulti anche con disabilità ed è attivato in sinergia conalcune istituzioni scolastiche.
Si promuoverà una rinata sensibilità nella popolazione e, in generale, un rafforzamento della memoria storica delle proprie radici culturali attraverso la riscoperta dell’universo misterioso della musica e del suono della voce nelle sue gamme fonetiche, su cui poggia una considerevole parte dell’immenso edificio del ricordo.

Il Laboratorio sarà tenuto da Sandro Fresi e Giuseppe Orru’, Per info e prenotazioni : iskeliu@tiscali.it

 

Tempio Pausania (OT): Musica elettronica con “Escape 2018”

ESCAPE 2018

• ESCAPE 2018 •

GUEST INTERNATIONAL DJ

• HITO • (PLAYdifferently/OTO/ENTER./MODEL1)

Artista Donna Giapponese, braccio destro di Richie Hawtin, la sua musica è cresciuta in GIAPPONE fino ad arrivare nella parte più profonda di IBIZA e BERLINO. L’ amore per la sua passione ha fatto di se una delle artiste techno più famose del mondo.


+ TWO ARTISTS FROM Ironik Electronik Sardinia

KABARET MAKER
STREET PREACHER

And resident djs:

MIRKO MC
RORA NAGASAKY

Location: PALASPORT, vic. stadio Nino Manconi, Tempio Pausania, Sardinia
🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃🍃
_________________________________________________
Tickets available from 20 september 2018
———————————————————————————-
Info line 3473364021

MORE INFO COMING SOON

🍃🍃Fuggi dalla Realtà 🍃🍃🍃

Olbia (OT): Sacre Armonie: 432 Hz Concert – Jyotishmati – Equinozio 2018

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

SACRE ARMONIE 432 HZ CONCERT
VOCAL and PIANO MANTRAS
Matteo Giorgioni – Piano
Lisa Jyotishmati – Vocal & Loop Station

Organizzato dall’ass.ne Onlus Macondo Suoni di Sogni, il concerto sarà un evento aperto a tutti, con ingresso gratuito, nel giorno magico dell’equinozio d’autunno nella suggestiva Tomba dei Giganti di Su Monte e S’Abe a Olbia, sotto al castello di Pedres (Zona Aereoporto).
Sarà un’occasione suggetiva per meditare o semplicemente lasciarsi guidare dolcemente dalle note del pianista bolognese Matteo Giorgioni e dalle armonie vocali di Lisa Frassi (Lisa Jyotishmati). Brani al pianoforte saranno arricchiti di mantra, sovraincisioni di cori e musiche sacre di diverse tradizioni, con uno straordinario risultato armonico.
Il concerto verrà realizzato a 432 Hz, la frequenza che rispetta la sezione aurea e la sequenza di Fibonacci.
Si è invitati a portarvi con voi cuscini, stuoie, tappetini ed eventualmente sedie leggere allo scopo di non deteriorare in alcun modo la superficie del terreno dell’esedra del sito archeologico.



Si richiede inoltre di parcheggiare rigorosamente nel parcheggio adiacente alla biglietteria (che troverete chiusa in quanto l’evento è a ingresso libero e GRATUITO per non ostacolare il passaggio di macchine o autovetture di servizio)
Ministero per i Beni, Attività Culturali e il Turismo – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Sassari, Olbia-Tempio e Nuoro.

Per conoscere meglio i protagonisti:
-Matteo Giorgioni & Lisa Jyotishmati
Jyotishmati 432 Hz music Vocal and Piano Mantras
Video:
https://youtu.be/emuMMtPz-is

AdBlocker rilevato!

Abbiamo rilevato ADBlock  nel vostro browser. Affinché possiamo continuare a offrirvi il nostro servizio nel miglior modo possibile dovreste disattivarlo oppure inserire www.piazzagallura.org nella vostra withelist. Nel nostro sito non appariranno mai video pop-up fastidiosi che rendono impossibile la lettura delle notizie. Grazie per la vostra cortese collaborazione PIAZZAgallura.org

Close