Daily Archives: 3 aprile 2018

A Bologna “Gli Artisti non sono bancomat “- Mostra collettiva a cura di OlbiaPulse/SpazioArte con la partecipazione di quattro artisti sardi

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

copertina l’opera dell’artista Gigi Musa di Olbia il cui titolo prende ha ispirazione nell’omonima opera di Jean Paul Sartre. “Le mani sporche”

Gli Artisti non sono bancomat – Mostra collettiva a cura di OlibaPulse/SpazioArte
Bologna 14/22 Aprile 2018 – Vicolo Fantuzzi 5/A – Vernissage 14 aprile ore 20.00.
Olbiapulse/SpazioArte, associazione culturale olbiese senza scopo di lucro, con sede operativa a Bologna, inaugura una nuova mostra il cui titolo evidenzia le difficoltà e i costi che devono sostenere gli artisti per potere esporre le proprie.
Gli artisti sardi selezionati per questa mostra sono Gigi Musa di Olbia, Filippo Franco Boe di Nuoro, Dario Sanna di Siniscola, Donatella Sechi di Cagliari
La mostra a cui partecipano 19 artisti, a prescindere dal suo titolo, più che muovere critiche nei confronti dei curatori che si fanno pagare dagli artisti per organizzare eventi d’arte evidenzia la mancanza di spazi pubblici e gratuiti per gli artisti. Un vero salasso sopratutto per gli artisti emergenti.
In copertina l’opera dell’artista Gigi Musa di Olbia il cui titolo prende ha ispirazione nell’omonima opera di Jean Paul Sartre. “Le mani sporche”

Olbia (OT): In occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo spettacolo teatrale “Progetto Pensilina”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Domani 4 aprile 2018 alle ore 21.00 in Viale Isola Bianca ad OlbiaOlbia (OT) in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo verrà presentato lo spettacolo teatrale “Progetto Pensilina”. Lo spettacolo è tratto dall’omino romanzo “All’ombra della pensilina” di Alessandro Muroni. Protagonisti della performance saranno l’l’autore del libro e l’attore Fausto Siddi
Luigi, il protagonista del romanzo – che verrà raccontato, come detto, in forma di performance teatrale -, una volta rimasto solo al mondo senza i genitori e quindi senza il suo unico punto di riferimento affettivo ed effettivo, è deciso a rivendicare il proprio diritto a continuare a vivere dove ha sempre abitato, cioè nella sua casa, in quel nido dove si è sempre rifugiato, e in cui si è sempre sentito libero di essere se stesso.  Per alimentare questo sogno, che non appartiene solo a Luigi, è nata questa storia che, raccontata in prima persona, romanza le sensazioni e le emozioni di una persona affetta da autismo di mezza età, che affronta la propria solitudine. Luigi si esprime in punta di piedi, con un linguaggio poetico, universale, quello del cuore, con la gentilezza che si addice a un Bartleby qualsiasi, per farsi percepire da chi lo saprà ascoltare. Luigi, una persona con autismo adulta, ha appena perso entrambi i genitori ed è inconsapevolmente scappato via di casa. Si ritrova seduto su una pensilina con un biglietto in tasca, obliterato chissà quando. Davanti a sé immagini di vita che scorrono prepotentemente nella sua testa mentre aspetta un autobus che passa troppo oltre la sua capacità di prenderlo. Luigi vaga nei reparti di un vicino ipermercato rifugiandosi negli ambienti casa composti per la vendita, trovando conforto nel relazionarsi con i vari elettrodomestici che li compongono. La staticità di questi esseri asettici e l’ordine in cui sono esposti gli ridà momentaneamente un equilibrio, nuovamente sconvolto dalla svendita degli stessi. Luigi va a riprenderli dalle case in cui sono stati consegnati e li riporta al loro posto, in quell’ambiente espositivo in cui niente per lui può essere modificato. Scoperto, dopo le continue denunce da parte dei clienti, viene processato.

Fonti:
diversamenteonlus.org

Facebook

Olbia (OT): Presentazione del libro “Anime intossicate” di Francesco Cossu

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Cosa si nasconde dietro l’omicidio dell’anziano e integerrimo vicario diocesano Don Gaetano Aisoni? E quali sono le ragioni che hanno indotto, in precedenza, un giovane ex seminarista, Carlo Stangoni, al suicidio?
La fantasia dell’autore dipinge uno scenario cupo di una Chiesa che ha dimenticato il messaggio evangelico per piombare in mezzo alla depravazione morale, ai traffici finanziari illeciti e a uno smodato accumulo patrimoniale.
Sarà ancora l’ispettore Vittorio Corti con il fido sovrintendente capo Meloni ad indagare su queste morti sospette, istigato e supportato da Aurelio Giua, cronista d’assalto de “L’Indipendente Sardo”, e dalle sue spericolate inchieste giornalistiche.
Quali segreti si nascondono dietro il vescovato di Monsignor Palmas e nel repentino avvicendamento di tutti i parroci di Templi? Chi sono “I soci degli anelli” e chi è il dottor Paba e le sue equivoche sedute di psico-neuroanalisi?
Tra omertà, intimidazioni e depistaggi, in un crescendo d’intrecci, alla fine la verità verrà a galla, non senza colpi di scena, in questo nuovo e appassionante giallo psicologico firmato dalla lucida penna di Francesco Cossu.

in copertina: Broken pact di Gavino Garau, acrilico su tela, 2017.

Francesco Cossu nasce a Tempio Pausania nel 1969. Laureato in Lettere, insegna Letteratura italiana e Storia in un Istituto Tecnico. Ha diretto la rivista culturale Gemellae. Ha collaborato con “Il Corriere di Romagna”, “Il Messaggero”, “Roma”, “Il Tirreno”, “La Nazione”. Dal 1996 è corrispondente locale de “L’Unione Sarda”. Ha pubblicato tre volumi di poesie: “Trasfigurazioni” (Stampacolor, 2001); “Oroscurismi” (TAS, 2006); “Intervalli” (Edes, 2008). Ha già pubblicato il romanzo “Dietro il vento” (AmicoLibro, 2015); “Anime Intossicate” è la sua nuova opera narrativa.

Tempio Pausania (OT): Allo Spazio Faber la prima mostra di “Creative Sardinia”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Alla mostra verranno esposte varie creazioni artistiche e artigianali provenienti da diversi paesi sardi. Si spazia fra dipinti e tecnologia, tutto fatto a mano e frutto di creatività pura.
Si apre al pubblico con ingresso gratuito dalle 10.00 della mattina del 7 aprile, si chiude per pausa pranzo alla una e si riapre alle 15.00 per terminare la giornata espositiva alle 18.00.
Verranno esposte le opere artistiche e artigianali di:
-Cristina Pedroni, artista e pittrice (Tempio Pausania).
-Antonello Arminu, “Rebelles” artigiano del legno e restauratore
(Pattada).
-Gabriele Puddinu, “Bob’s Creations” creativo
del recupero, manufatti tecnologia e illuminazione (Tempio
Pausania)
-Annalisa Manai, “Annalisa Creazioni D’arte” creativa e restauratrice
(Telti).
-Patrizia Pitzianti, “Arte es Vida” illustratrice e pittrice (Calangianus).
-Fabrizio Pintus, musicista e creativo strumenti musicali diy
(Calangianus)
-Miranda Pes, creativa arte restauro e decorazione (Nuoro).
-Mario Luther Blissett artista casuale (Tempio
Pausania).
-Iwona Koehn-Putzu, creativa restauro e manufatti (Telti).
-Michele Dibari, artista e pittore (Telti).
-Marco Sulas, “Assurdart” creativo artigiano gioielli e manufatti
(Tempio Pausania)..