Daily Archives: 5 marzo 2018

Santa Teresa Gallura (OT): “iL cANiLe di CIrcE” Spettacolo teatrale più mostra inedita di un lungunesu

il canile di circe

Spettacolo teatrale più mostra inedita di un lungunesu, lunedì 19 marzo ore 21.00 al centro polivalente Lu Brandali. Ingresso € 7,00, prenotazione al numero 3920547979

IL cANiLe di CIrcE

(PRESENTAZIONE Versione Stampabile ed Ecosostenibile)

Se ti rubano gli affetti possono darti la colpa di non saper amare? Gabbiani che vanno via senza portarti più i Suoi pensieri. Piccioni che riempiono il cielo.

Una storia come tante sulla non libertà e sulla fame di essa.

di e con Jada Deroma

regia di Vittoria Nicoli,

officineperegrine production 2017 creative commons licens

SINOSSI

Attrice e Regia attingono dall’esperienza personale e da fatti di cronaca il materiale per mettere in scena la storia di una donna pittrice mai diventata famosa che iSolatasi dalla società per vivere in solitudine la propria “follia” subisce l’ennesima ingiustizia vedendosi portar via il proprio cane, il suo migliore amico. Circe, questo il suo nome, dovrà ripercorrere tutti gli episodi che in passato l’hanno allontanata dal mondo. IL cANiLe è un’indagine sul ricordo e sulla volontà di non voler apparire nei ricordi, e sulla difficoltà di sentirsi traccia indelebile del tempo che passa, vortice di cui non sappiamo prendere la misura. Una storia di esclusione che si trasforma nella storia di una pittrice, artista e dunque strega moderna, che da donna, dea e animale sente e vive senza filtri. Ma se la relazione umana necessita di filtri e tracce che segnano il conflitto, e non solo l’amore, come riuscirà Circe a sfamare la sua fame di libertà?

NOTE TECNICHE

La performance è stata costruita per svolgersi in spazi dalla natura selvaggia. In particolare è cresciuta tra la spiaggia di Rena Bianca e l’iSola di Municca La performance può essere riprodotta in spazi urbani e monumentali e in spazi chiusi, teatrali e non teatrali, da studiare anche attraverso fotografie della location stabilita. La scenografia è essenziale: due costumi per la performer e oggetti originali o ispirati dalla location. In caso di spazi al chiuso si aggiungono alla scenografia 2 fari da 1000w. Non esiste alcuna amplificazione perché la performance necessita di uno spazio intimo, e anche in spazio all’aperto va a ricercare un contatto ravvicinato con il pubblico.

COLLEGAMENTI VIDEO:

link del video trailer

officineperegrineteatro

ha come VISION quella di costruirsi come realtà teatrale attiva riconosciuta fuori e dentro il proprio territorio del comune di Santa Teresa Gallura. officineperegrine ha come MISSION la creazione di conoscenza e pratica costanti attraverso la ricerca/produzione artistica (teatrale, audiovisiva, scientifica e multidisciplinare), proponendosi come luogo e tempo di incontro formativo tra singoli e collettività (disagiate, educative, minoritarie, ludiche e sociali) e diffondendo l’arte come espressione di autonomia, consapevolezza e relazione. E’ un gruppo di lavoro sempre APERTO che usa l’arte, il gioco e il teatro per crescere insieme. Creiamo spettacoli, performance e video art sul mito, la poesia, la musica e la natura; creiamo Laboratori e Corsi di teatro e audiovisivo per bambine/i, ragazze/i, adulti, anziani, e disabili, all’interno del nostro territorio e in ogni altro luogo dove ce ne sia richiesta e bisogno; dirigiamo il Teatri Peregrini Noborders Performance Art Festival e organizziamo residenze artistiche nel territorio gallurese. (V. in allegato Curriculum Vitae)

INFO E CONTATTI:

Direzione Artistica Vittoria Nicoli 3332880409

officineperegrine.org

officineperegrine@autoproduzioni.net

officineperegrine@gmail.com

repetitaludant@gmail.com

8 marzo: l’H open day dedica la giornata ai fibromi uterini

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

 L’Ats Sardegna, in occasione dell’8 marzo, mette a disposizione delle donne dei servizi gratuiti di prevenzione, diagnosi e cura in ginecologia, con una attenzione particolare per i fibromi uterini.

L’iniziativa, promossa dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere (Onda), con il patrocinio della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, all’interno dell’Azienda per la tutela della salute vede coinvolti:
• Presidio Ospedaliero San Francesco di Nuoro
• Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II di Olbia
• Presidio Ospedaliero San Martino di Oristano.

Tutte le prestazioni offerte per la giornata saranno erogate gratuitamente (seguono orari e sedi) e le prenotazioni saranno accolte fino alla copertura dei posti disponibili nelle strutture coinvolte .

Presidio Ospedaliero San Francesco
Via Salvatore Mannironi 08100 Nuoro
Distribuzione materiale informativo. Presentazione del centro. Prenotazione visite ed ecografie, con orario 9.00 – 13.00, presso l’Ambulatorio ginecologico al 9° piano del Presidio Ospedaliero San Francesco.
Prenotazione obbligatoria al numero 0784 240240.

Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II di Olbia
Loc. Tannaule 07026 Olbia
Distribuzione materiale informativo.
Prenotazione visite ed ecografie, con orario 08.00 – 14.00, presso l’Ambulatorio di ginecologia e ostetricia, al I piano, padiglione D1.
Prenotazione obbligatoria al numero 0789 552912 (da lunedì a giovedì, dalle 12.00 alle 14.00).
Per poter effettuare le visite è necessaria una impegnativa del medico di medicina generale con il quesito diagnostico “fibroma uterino”

Presidio Ospedaliero San Martino di Oristano
Via Rockefeller 09170 Oristano
Distribuzione di materiale informativo sui fibromi uterini negli ingressi del presidio

L’elenco dei servizi offerti dagli ospedali aderenti all’iniziativa sono consultabili sul sito di Onda
Per saperne di piu’

Olbia (OT): Presentazione libro fotografico “Cuba, quel sogno insensato che l’alba accorda al desiderio”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Presentazione libro fotografico “Cuba, quel sogno insensato che l’alba accorda al desiderio” di Gabriele Calvisi venerdi 9 marzo 2018 dalle 17:00 alle 19:00, nella Sala conferenze Biblioteca Civica Simpliciana, Piazzetta Dionigi Penedda, 3. Interventi di Augusto Ditel, Antonio Satta, Bachisio Bandinu e Marco Ronchi.