Daily Archives: 13 settembre 2017

Tempio Pausania (OT): “Parole incantate” – Ricordando Bernardo De Muro

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Le ragazze del Servizio Civile impegnate nel museo Bernardo De Muro,in collaborazione con l’ amministrazione comunale di Tempio vogliono suggellare un anno di proficuo lavoro con un concerto che spazia dalla lirica con bellissime arie d’opera alla musica strumentale ed alle e le ballate dell’ America latina suonata con strumenti di rara bellezza come la chitarra barocca, il violoncello, le percussioni.

Tutto questo è stato possibile con l apporto sinergico dell’ associazione culturale Iskeliu che vanta la presenza di musicisti concertisti di grande spessore ma anche grazie alla collaborazione con la Scuola Civica di Musica (che a breve riprenderà la sua attività) ed al Conservatorio di Musica.

Le visite al Museo ed l’ingresso al concerto sono liberi e gratuiti.

 

Santa Teresa Gallura (OT): Sostenibilità ed ambiente, due chiacchiere con Roberto Cavallo il “rifiutologo” di RAI 3

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Due chiacchiere con Roberto Cavallo il “rifiutologo” di RAI 3 che parlerà delle nuove sfide ambientali
e dell’impatto del ciclo dei rifiuti, mercoledì 20 settembre 2017 ore 21.30 in Piazza Vittorio Emanuele I

Ingresso libero e gratuito, in caso di maltempo l’iniziativa si svolgerà alla stessa ora presso il Teatro Nelson Mandela in Via Pertini.

Via comunesantateresagallura.it

Olbia (OT): Rappresentazione teatrale “La Canzona di Mastru Juanni”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Presentazione teatrale dell’opera “La Canzona di Mastru Juanni”. Si tratta di un poema in dialetto tempiese di grande valore storico, scoperto e pubblicato dal compianto Salvatore Sechi, di grande valore storico ed ancora oggi validissimo alla luce della contingenza economica che la gente sta vivendo. La regia dell’opera è stata curata da Giancarlo Monticelli. (a.m.)

Martedì 26 settembre 2017 alle ore 20.30 Archivio Mario Cervo via Grazia Deledda 26, Olbia (OT)

Budoni (OT): Mostra “Omaggio agli Shardana”

Simple, Free Image and File Hosting at MediaFire

Budoni rende omaggio agli Shardana con due grandi installazioni dell’artista Giuseppe Pili che saranno esposte in piazza Giubileo dal 13 al 30 settembre e le opere pittoriche dell’artista Romano Galetto raffigurante Sandan, figlio di Eracle raffigurato con quattro occhi, quattro braccia, antenne o corna ospitate presso l’info poi t di Budoni.
La rappresentazione più famosa di Sandan ( Sardus pater) è custodita al Museo di Cagliari ed è costituita da un manufatto in bronzo. Nonostante la loro devozione per Sandan (spesso tradotto come Sardan o Sardus pater, la loro divinità più importante era la cosiddetta “dea Madre“.

“Dicono che gli Shardana furono un popolo del mare e la loro patria fosse la Sardegna e il mare.
“Dicono che furono un popolo di abili guerrieri ed esperti navigatori vissuto verso la fine del II millennio a.c e che abbiano dato vita alla cosiddetta civiltà nuragica i cui resti sono tuttora visibili.
Adoravano la dea madre e Sandan figlio di Eracle rappresentato con quatto occhi e quattro braccia e l’elmo con due corna.
Erano abili a forgiare le armi e conoscevano le tecniche di fusione e lavorazione del bronzo e dello stagno e dell’argento e furono abili costruttori.
Grazie ai loro saperi dominavano i mari, temuti e apprezzati.
Come potevano non adorare il fuoco si chiede l’artista Giuseppe Pili che a loro dedica Shardana il sacro fuoco, un opera in rame dal peso di 180 kgs e dal diametro di 270cm che sarà esposta e accesa a Budoni in piazza Giubileo assieme alle vele un opera lignea di 300cm a rappresentare il loro dominio sui mari.

Giuseppe Pili artista di Allai (Oristano), laureato in architettura al politecnico di milano nel 1978, dal 2007 si dedica esclusivamente alla sua passione artistica progettando e creando opere e sculture, privilegiando le grandi dimensioni.
Le opere sono prevalentemente in rame ma utilizza, con tecniche innovative anche altri materiali.
Le sue opere, molto apprezzate, fanno parte di importanti collezioni pubbliche e private.

Romano Galetto, artista di professione, scultore e pittore è nato a Torino dove ha frequentato la scuola di pittura e scultura San Carlo.
Cittadino di Budoni per adozione, dove trascorre da tanti anni le proprie vacanze,
è artisticamente sardo. Una terra, la Sardegna, che è rappresentata, nella pittura di Romano Galetto con contemplazione e rispetto.I paesi, le campagne dai colori tenui, morbidi e avvolgenti, le figure degli Shardana, i cieli azzurri, che sparge di oro zecchino, come gli antichi maestri, non sono semplici quadri ma ognuno di essi,un gesto d’amore verso questa terra.

Evento dell Ass.culturale OlbiaPulse/SpazioArte con il patrocino del Comune di Budoni a cura di Aldo Manzanares